il diario di Federico: Arieccoci

Ricevo e pubblico volentieri.

Arieccoci. Tornano le chiusure, i DPCM, gli appelli all’unità nazionale, i virologi e gli epidemiologi, le comprensibili critiche politiche, le meno comprensibili polemiche opportunistiche, gli ineffabili deliri negazionisti che stavolta hanno un interessante risvolto in simpatiche quanto “spontanee” rivolte di piazza. Quanto mi era mancato tutto questo in una strana estate che ora sembra davvero una lunga parentesi.

Stavolta, comunque, ho deciso di fare le cose per bene e mi sono messo avanti. Prove generali. Prima di tutto, e ancora in tempi relativamente non sospetti: contrarre il virus. Tampone da asintomatico: positivo, taaac. Come diceva il Dogui, “sole, whisky e sei in pole position”. Chiamata agli amici che hai visto nell’ultimo periodo per avvisarli della lieta notizia e messa in isolamento, per fortuna sempre senza sintomi. Sul pasticcio burocratico che ne è seguito scriverò magari un’altra volta. Oggi però la lieta notizia della negativizzazione: posso uscire, sono libero, libero… essenzialmente di chiudermi di nuovo a casa, il più possibile isolato, con socialità ridotta al minimo e coprifuoco alle 23 se mai tornerò in Lombardia (ma la situazione sembra un work in progress in tutta Italia, anche sul versante normativo).

Vedremo come si metteranno le cose nel prossimo periodo, ma l’orizzonte non sembra gravido di chissà quali amenità tersicoree nell’immediato futuro. Converrà attrezzarsi di pazienza e di programmi a medio-lungo termine, stavolta, e prendere quel che eventualmente di buono verrà come un regalo. Repetita iuvant?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.