almanacco dei sette giorni, per vincere (20.46)

☀ Grazie a dio ha vinto Biden. Ora ci toccano cretinate fino al 20 gennaio, su quel versante ma, poi, cose migliori di prima. Spero che Warner e Rice entrino nel governo.

✘ Se Trump è ridicolo nel suo sostenere solitario di aver largamente vinto, Giuliani è ormai al di là di ogni decenza, sostenendo stavolta che il voto è molto sospetto, che Philadelphia ha una lunga tradizione di brogli, e che ha dei testimoni. Cosa sarà capitato all’ex sindaco di New York, politico di spicco nei decenni tra il novanta e il primo decennio dei duemila? In Borat, poi, ha veramente toccato il fondo. Sarà stata illusione allora?

☀ Una battaglia a palle di neve che ha più di cent’anni. Il breve filmato fu girato dai fratelli Lumière a Lione nell’inverno del 1897. Poi è stato restaurato e colorato ma nulla cambia: una visione nitida del passato che pare essere qui, ora.

✘ Bollettino: raggiunti i cinquanta milioni di casi covid nel mondo. Gli Stati Uniti sono il paese con il maggior numero di contagi, vicini ai 10 milioni. Seguono l’India – 8 milioni e mezzo – e il Brasile, oltre 5 milioni e 600mila. L’Italia ha superato il milione di casi. Ogni cento tamponi, diciassette sono positivi.

L’intervista di ‘Titolo V’ a Saverio Cotticelli, ex commissario alla sanità in Calabria appena silurato, giustamente peraltro, è da lasciare a bocca aperta. Poi, la toppa è peggio del buco quando afferma, ieri, di avere avuto un malore o di essere stato drogato perché né lui né i suoi familiari lo riconoscono nell’intervista. Suggerimenti: gemello cattivo, ventriloquo con mano nel sedere del Cotticelli stesso, ridoppiaggio malevolo di ‘Titolo V’, inversione aliena del cervello.

◆ Mai fregato un accidenti dei mercatini di natale ma che voglia, quest’anno, purché lontani.

✘ Cominciano a saltare anche gli appuntamenti del 2021. Arte Fiera a Bologna, per esempio, prevista per gennaio, è stata appena cancellata. Prevedibile, per carità, ma è meglio cominciare a fare i conti con il fatto che anche l’anno prossimo sarà un anno monco.

☀ Dopo Alemanno (6 anni in appello per per corruzione e finanziamento illecito) è stato condannato anche Denis Verdini (6 anni e 10 mesi per la bancarotta del Credito Cooperativo Fiorentino). Ma siccome Verdini era già in Cassazione, si è scelto un carcere e si è costituito. Anche qui, come scrivevo per Alemanno, la corruzione di Verdini era il segreto peggio custodito da molto tempo e ciò che a me preme di più è proprio il tempo perso e buttato per colpa di tutta questa gente. Facili previsioni? Problemi di salute a breve e richiesta di domiciliari, per impagliare la questione fino ai settant’anni d’età, che manca poco. Tutti uguali, ‘sti sbruffoni.

✘ Vaccino? C’è il vaccino? La Pfizer ha il vaccino? La notizia ha portato turbolenza nel mondo, molti si sono agitati. Per quanto mi riguarda, la notizia, ammesso che lo sia, me la spiego così, senza sapere nulla della bontà del vaccino: Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, il giorno dopo l’annuncio ha venduto il 62% per cento del proprio pacchetto azionario della società. E il titolo aveva guadagnato il 16% dal giorno dal primo. Oplà. Più chiaro il senso dell’annuncio?

✘ È putroppo fallita la casa editrice UTET Grandi Opere, la casa editrice che pubblicava grandi dizionari, per esempio il Tommaseo-Bellini, il Battaglia, e molte edizioni d’arte e di ogni scienza. Fondata nel 1791, era stata acquisita con tutta la UTET da De Agostini nel 2002, la quale ne ha progressivamente svuotato il catalogo, vendendo Grandi Opere a FMR Art’è nel 2013. Il fallimento, dunque, non riguarda ciò che è rimasto, pochino, di UTET. Dal punto di vista della cultura complessiva di un paese è un vero disastro, ma non da oggi. Chissà che fine faranno catalogo e deposito.

Beh, questa settimana cerchiamo di farci bastare Biden.

almanacco dei sette giorni, per votare (20.45)

✘ Due condannati per i fatti di Genova 2001, uno per aver introdotto due bombe molotov all’interno della scuola Diaz (Pietro Troiani), e uno per averne falsamente attestato il rinvenimento (Salvatore Gava), sono stati promossi a vicequestori. Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza se ne lavicchia le mani, dicendo che la procedura è automatica e le loro pene sono state scontate. Ricordo, per chi non c’era e per chi ha la memoria corta, che Amnesty International definì i giorni di allora «la più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale», per dare una misura. Niente di nuovo, purtroppo, le promozioni si sono avvicendate senza sosta in tutti questi anni. Ciò detto, non va bene.

☀ La città di North Augusta ha deciso, bravi, di intitolare l’anfiteatro della città a Sharon Jones. Jones, scomparsa purtroppo quattro anni fa, è stata una strepitosa cantante funk-soul, eccezionale sul palco per energia e trascinamento, ricordata da chi ama i paragoni come la James Brown donna per questa sua qualità dal vivo. Sarà dunque lo Sharon Jones Amphitheater, non sarebbe male andarci a sentire un concerto qualsiasi. Qui il mio ricordo di quattro anni fa. Cogliendo l’occasione, fatevi un regalo: ascoltatela.

✘ Spozzifai sta testando l’opportunità di modificare gli algoritmi per favorire le canzoni di alcuni artisti nei suggerimenti automatici o nelle funzioni “discover” (cosa che già succede, per altri motivi). Questo varrà per coloro che accetteranno una riduzione dei compensi per diritti d’autore: promozione, quindi, in cambio di soldi. L’operazione è abbastanza al limite del legale, diciamo che si muove nella zona grigia. Io la considero poco apprezzabile anche se non utilizzo per nulla le funzioni di suggerimento della piattaforma, muovendomi benone per fatti miei. Ma immagino non sia l’utilizzo diffuso.

◆ La notizia non è nuova ma siccome continua a farmi ridere, la riporto qui: Giorgia Meloni è stata nominata presidente del Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei. European Conservatives and Reformists Party, ECR Party. Collocazione: centrodestra, ovviamente, moderatamente euroscettici. Ovviamente il ridicolo lo trovo nei Conservatori Riformisti, che è come dire i Credenti Agnostici, i Nazisti Progressisti, i Vivaisti Edili, i Nani Giganti, i Lattanti Anziani. Infatti, nel partito coesistono, non so se felicemente, il Partito Conservatore Croato (Hrvatska Konzervativna Stranka) e il ceco Partito Democratico Civico (Občanská Demokratická Strana), per dire. O il Partito Conservatore inglese e il Movimento per i Cambiamenti del Montenegro. Sinceri auguri di buon lavoro.

☀ In tema elezioni americane, questa di Spinoza non è male: «Gli americani devono scegliere tra Biden e Trump. Solo chi ha vissuto le elezioni Rutelli-Berlusconi può capire».

✘ Ah, ecco. Sembra che la frase del papa sui diritti civili degli omosessuali – «Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» eccetera – sia in realtà il risultato di tagli e decontestualizzazioni dell’intervistatore. Sono quasi sollevato, lo dico davvero, almeno i rapporti tornano a essere quelli di sempre, belli chiari. E io so come regolarmi.

✘ Il Brooklyn Museum ha messo all’asta nove quadri della propria collezione, tra cui Monet, Miró, Degas e soprattutto una Lucrezia di Lucas Cranach il vecchio che mi piacerebbe molto. Il museo ha deciso di vendere per coprire i costi che, a causa della diminuzione degli incassi, non riesce più a sostenere. Pessima notizia, immagino sarà una situazione comune. Il Mibact ha stanziato quindici milioni di euro per questo motivo per i musei italiani. Cifra congrua? A vedere il costo del Cranach forse no.

✘ Beh, a me Sean Connery piaceva.

Sì, anche fisicamente.

☀ E se invece del matrimonio e della relazione con una persona mettessimo (o avessimo messo) al centro di tutto gli amici? Un interessante articolo, per chi mastica l’inglese. Più ci penso e più trovo la cosa interessante, anche strategicamente, da molti punti di vista. Chiaro che debba essere vicendevole.

✘ Il governatore della Liguria Toti ha definito gli anziani «non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese». Per svariati motivi, non solo la frase in sé, Toti è stupido. E quindi? Cosa sappiamo di nuovo? Molto meglio ascoltare ragionamenti utili, come quello di Annamaria Testa sull’ultimo numero di Internazionale, tralasciando le persone che non contribuiscono con senso.

☀ Ma posso, dico io, chiudere con Toti? Ennò, e che cacchio. Chiudo con Tognazzi, che son trent’anni che ci manca e che se ci fosse, dicendo per esempio, che un regista e poi la produzione se non fosse che il governo, dietro ai paraventi dell’arte, dice e non dice, avanza e poi ritira, ma le cose poi son sempre più semplici di quanto pare, a guardarle bene. O no?

Vicesindaco, ovvio.

almanacco dei sette giorni, per suturare (20.44)

☀ A volte i nomi dei paesi non sono un granché.

Canada, Norvegia, Stati Uniti. Ma ce ne sono mille e mille. Ad alcune va meglio, nel senso che la norvegese Hell, per esempio, ci campa sul nome bislacco, eccome. Altre meno. Cambiare il nome di un paese non è, però, semplicissimo. Un articolo al riguardo.

✘ L’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani ha nominato il nuovo responsabile nazionale per “Valorizzazione dei beni storici e culturali”: Vittorio Sgarbi. Bravi, bene, avanti così. Giova ricordare che siamo all’accumulo delle cariche: Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Canova Onlus di Possagno (Treviso), del MART – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, della Fondazione Ferrara Arte, deputato alla Camera e sindaco di Sutri (in provincia di Viterbo). E candidato, pare, a sindaco di Roma. Pessimo.

✘ Keith Jarrett, purtroppo, non può più suonare. Il motivo sono due ictus, come ha raccontato lui stesso in un’intervista, cosa rarissima, che gli hanno reso infermo il lato sinistro del corpo. E io non faccio che pensare alla tristezza e al dolore di chi, amando la lettura, non riesce più ad aprire un libro, a chi ama la musica e non sente più, a chi ama dipingere, suonare, correre, camminare, disegnare e non può più farlo.

✘ Un medico brasiliano che stava partecipando come volontario alla fase 3 del test del vaccino sviluppato dall’azienda AstraZeneca è morto. Ma attenzione: una fonte informata ha precisato a Bloomberg che all’uomo non era ancora stato somministrato il vaccino. Eppure, la notizia è su tutti i giornali italiani in prima pagina, pure con la precisazione. E dunque? Qual è la notizia? È una notizia? Che bisogno c’è, tra l’altro, di dare un’altra, ulteriore sponda ai no-vax? Semplice: un titolo per il clickbaiting, ovvero fatto perché i lettori clicchino. Il fatto che non sia una notizia e che anzi abbia effetti deleteri non importa.

✘ A proposito di farmaci: la casa farmaceutica Purdue Pharma, produttrice dell’OxyContin, è stata riconosciuta colpevole di aver contribuito a creare la crisi da oppiacei negli Usa ed è stata condannata al risarcimento di otto miliardi di dollari e alla chiusura. Se non sapete nulla della questione degli antidolorifici a base oppiacea negli Stati Uniti – e ovviamente volete saperne di più – leggete Questa è l’America. Storie per capire il presente degli Stati Uniti e il nostro futuro di Francesco Costa, il primo capitolo spiega bene la cosa. Da accapponare la pelle, prometto.

☀ Ora mi tocca dire cose positive sulla Norvegia, contraddicendo quanto ho detto negli ultimi quindici anni. Ma non rinnego nulla. La Norvegia non fa parte dell’UE ma dello spazio economico europeo (SEE, che include i paesi dell’Unione, Islanda, Liechtenstein e Norvegia, appunto). Secondo gli accordi interni al SEE, la Norvegia eroga ingenti fondi a quindici paesi europei economicamente più deboli. Questa è nuova, eh? Comunque, il governo conservatore norvegese – sottolineo: conservatore – ha deciso di sospendere il sostegno ai paesi che violano i diritti umani e lo stato di diritto: Polonia e Ungheria. Pazzesco. Rispettivamente 65 e 214 milioni di euro, mica paglia. E non bastasse, il governo norvegese (ancora: conservatore!) ha bloccato il pagamento di 100 milioni di euro alle città polacche che hanno vietato iniziative in favore dell’«ideologia LGBT». Sorpassando a sinistra l’Unione europea, alla grande. Sono commosso. Grazie, Erna Solberg, e al governo tutto.

✘ In Polonia è decaduto, grazie al governo di iperdestra, anche il terzultimo motivo legale per abortire, le gravi malformazioni del feto. Restano il pericolo di vita della madre e lo stupro. Fortuna che c’è la Norvegia a difenderci, perché dall’Unione europea nemmeno una parola.

✘ Gianni Alemanno, ex ministro e soprattutto ex sindaco di Roma per una sciagurato mandato, è stato condannato anche in appello a sei anni per corruzione. Era il segreto di Pulcinella persino allora, lo ricordo, sinceramente che venga condannato o meno ha per me poca importanza, rispetto a quanto si è perso in quegli anni per colpa sua.

◆ Rimandata la pubblicazione del libro del ministro della salute Speranza. Il titolo è: «Perché guariremo: Dai giorni più duri a una nuova idea di salute». Chissà perché.

Con tutto lo sforzo possibile, non è stata una settimana buona.

almanacco dei sette giorni, per imbellettare (20.42)

✘ Da aprile la maggior parte degli aerei dedicati al trasporto delle persone sono parcheggiati e fermi. Infatti, se nel 2019 i biglietti venduti sono stati 4,54 miliardi, equivalenti a ricavi per 838 miliardi di dollari, nel 2020 Iata prevede una contrazione del 50% degli introiti. Quindi, aerei fermi. In vari depositi nel mondo, possibilmente con climi favorevoli per evitare danni. Il più grande parcheggio per aerei in Europa è in Spagna, a Teruel.

Incidentalmente, Teruel è anche una bella cittadina di valore storico, in una gola rocciosa tutta rossa in una regione poverella, ne ho un bel ricordo.

✦ Liliana Segre che inizia il proprio discorso di addio dicendo: «Non voglio più soffrire» è per me una delle cose più strazianti da molto tempo a questa parte. Spero ci riesca, signora Segre.

✘ Coprifuoco (brutto termine militare, l’etimo è proprio quello di coprire, nascondere o spegnere il fuoco) da giovedì 22 in Lombardia, in casa dalle 23 alle 5. Ecco, questa ancora non si era vista. Sì, ma quelli giovani e sbarazzini come me che escono alle 23?
Il coprifuoco o lockdown parziale è adottato anche in molte zone d’Europa, in Catalogna ristoranti e bar resteranno chiusi per tre settimane, in Irlanda per quattro, in Germania locali chiusi alle 23, a Parigi alle 21, in Olanda tutto più variegato.

✘ In proporzione alla popolazione, il paese messo peggio in Europa al momento è la Repubblica Ceca. Segue il Belgio, completamente in tilt. Ma si prevedono sorpassi a breve.

✘ A proposito di disgrazie, io dico che vince Trump.

☀ Ha aperto a Manhattan il punto di osservazione più alto non solo della città ma dell’intero occidente: The Edge. 345 metri e contrariamente a quanto uno si aspetterebbe non è a sud dell’isola ma a Chelsea.
A sbalzo e con pezzi di pavimento trasparente, a fidarsi.

A me è piaciuto più quello del Rockefeller center – anche se più basso – che quello dell’Empire State building.
Sempre in tema di vertigini, ha aperto in Portogallo il ponte sospeso pedonale più lungo del mondo, il ponte Arouca.

✘ Cina, Russia, Pakistan e Arabia Saudita stanno per entrare nel consiglio dei diritti umani dell’Onu. Che è come far entrare la volpe nel pollaio. ONG e associazioni protestano, forse non basterà.

☀ Monica Cirinnà, di cui ho già parlato e cui sono grato per la legge sulle unioni civili, risponde o ha uno staff che risponde in modo saggio alle cazzate che sui social le vengono rivolte.

Infine, Stan è stato venduto.

almanacco dei sette giorni, per ricattare (20.41)

✘ Torniamo alle mascherine all’aperto, si sperava di no e, invece, è meglio cercare di mettere un freno alle cose ora. Se possibile. Il cortocircuito è che manca il numero legale al consiglio dei ministri per approvare il decreto causa quarantene e la domanda diviene: come si governa un paese se cominciano a mancare i numeri legali nei luoghi in cui si prendono le decisioni? Si passa ai videovoti? Ma come si approva la norma che consente il video? Come si certificano? Il gatto comincia a vedere la coda.

☀ Finalmente i decreti sicurezza sono stati cambiati, un anno e mezzo ci è voluto. Reintroducendo di fatto la “protezione umanitaria” per i richiedenti asilo e riducendo le multe per le ONG. Si poteva fare di più, come sempre tocca accontentarsi del minimo, se va bene.

✘ L’Oms stima che il 10% della popolazione mondiale possa già essere stato infettato dal coronavirus, oltre venti volte le cifre ufficiali. In Italia si fa largo l’ipotesi che la pandemia sia un’invenzione per far scaricare Immuni.

✘ Muore Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi dal novembre 2017, prima donna e prima non-partigiana a ricoprire l’incarico, e un commento dispiaciuto arriva da chi meno me lo sarei aspettato.

L’antifascista Lapo vive e lotta insieme a noi, se non sono già passati, non passeranno.

✦ Se decideste di fare binge watching, cioè di guardarlo tutto di fila, di Beautiful vi servirebbero 103 giorni. Ovviamente senza nemmeno una pausa per la pipì. L’associazione medici italiani sconsiglia.

☀ ✘ Comincia il processo a Salvini e dal tribunale di Catania si stacca una lastra di marmo che colpisce il suo avvocato difensore di grido, Giulia Bongiorno, peraltro già parlamentare leghista, proveniente da Alleanza nazionale. Ecco, io in queste cose – e ora faccio volutamente il bisticcio – non credo al caso e mi complimento per il tempismo. Sempre sul processo, non avevo immaginato, poi, che anche lì avrebbe tentato di portarsi la claque e così è stato: 40 euro e il sostegno è assicurato.

Insomma, tre bacucchi rinciuliti e mica tanto altro, ricorda certi sostegni al Berlusconi al tramonto.

☀ Nel dibattito tra i due vicepresidenti americani, una mosca si poggia sui capelli – peraltro bianchissimi, quindi risalta parecchio – di Mike Pence. Naturalmente nessuno ha idea di cosa stesse dicendo in quel momento e per tutto il tempo in cui la mosca è stata lì. Puoi dire la cosa più intelligente del mondo ma se hai della verdura tra i denti chiunque, tranne le cinque persone più sagge del mondo, guarderà la verdura senza ascoltare. Le cinque persone più sagge del mondo, tra l’altro, la cosa più intelligente del mondo la sanno già.
Nel corso della giornata, registrati migliaia di account sui maggiori social a nome della mosca.

almanacco dei sette giorni, per ammorbare (20.40)

✦ Io non so più in che fase-covid siamo. La terza? La quarta? La decima?

☀ Lo Städel Museum di Francoforte ha messo a disposizione le immagini ad alta risoluzione di più di ventimila opere d’arte del proprio catalogo, utilizzabili liberamente semplicemente citando il museo. Non male, non male davvero: direttori di musei italiani, prendere nota.
Tra esse, il geografo di Vermeer (1669) e la Simonetta Vespucci di Botticelli.

✘ Sempre a proposito di musei, il Ministero della Salute ha sospeso le domeniche gratuite nei musei statali italiani, causa covid. Per evitare assembramenti. Bene, ma c’era davvero tutta quella ressa? Nei musei che ho visitato io in questi giorni brillavano più le assenze che le moltitudini, l’importante è che poi si ristabilisca.

✦ Sempre in tema pandemia, la Svezia, tanto criticata per la scelta di non imporre il lockdown, oggi non registra una risalita dei contagi comparabile a quella degli altri paesi. Sarà una situazione temporanea o effettivamente il risultato di una scelta migliore? Impossibile dirlo oggi. In ogni caso, l’ho già detto, almeno loro hanno avuto un’opzione diversa per la scelta. Non poco. Noi, invece, sfondiamo la soglia psicologica dei duemila contagi in più in un giorno, con il solito apparente giochino che se aumentano è perché abbiamo fatto molti tamponi e se calano è perché va meglio. Mah.

☀ Nel 1935 la Kodak lanciò Kodachrome, la pellicola a colori sottrattiva, e un paio di anni dopo, più o meno, un videoamatore fece una lunga ripresa a colori della New York di quegli anni, visibile qui, appena restaurato. A parte la solita scelta convenzionale della musica, il filmato è notevole.

✘ Trump ha il covid. Ahah, me la rido proprio, dopo Johnson, Bolsonaro, Briatore, Berlusconi, ora spero in altri. Che scampino, per carità, ma che vedano i sorci belli verdi. Chissà come andrà la campagna elettorale.

✘ Disney+ ha lanciato GroupWatch, ovvero una funzione per cui ci si trova (diciamo…) in non più di sette e si guarda insieme (diciamo…) lo stesso programma in streaming e si può commentare collettivamente con emoji e minchiate varie. In futuro arriverà una chat vera e propria. Se si interrompe si interrompe per tutti, se uno arriva tardi comincia da dove sono gli altri. Si chiamerebbe ‘trovarsi per vedere una cosa insieme’ se non fosse che ciascuno è a casa propria. Pollice piuttosto verso, è la constatazione che c’è poco da fare, sul verso della socialità declinante.
Amazon e Twitch, che è sempre Amazon, già lo fanno. Se la possibilità vi sconfinfera, approfondite con Scener e Netflix Party.
Io ho fatto cose simili al telefono con qualcuno guardando e commentando insieme la stessa cosa ma era la preistoria e di solito era un evento particolare.

✘ Affittare uno studio fotografico con un set che ricostruisce l’interno di un jet privato costa sessantaquattro dollari all’ora a Los Angeles. Poco e niente, rispetto a un jet privato vero.

Così le influencers (lo so, non vorrei farne una questione di genere ma un articolo lo devo mettere e sono davvero in stragrande maggioranza donne) si fanno le foto della vita-al-massimo. Molte ‘x’ questa settimana, invece, nella rassegnina della mia. Affitterò un paese delle meraviglie.

☀ Questa settimana Walter Matthau avrebbe compiuto cento anni. Vado a rivedermi Buddy Buddy.

almanacco dei sette giorni, per deliziare (20.39)

✦ Il sì al referendum sul taglio dei parlamentari vince con il 69,9% e io perde col resto. Se ho ben capito, a ogni parlamentare sarà tagliata la testa e un pezzo di spalle fino a un terzo, trattandosi di taglio orizzontale. Comunque, il risultato blinda questo parlamento fino alla fine della legislatura, il che mi rassicura per l’elezione del Presidente della Repubblica tra due anni. Alle regionali centrodestra e centrosinistra pareggiano 3 a 3, la Lega perde voti – il trionfo di Zaia è per due terzi della sua propria lista -, il PD tiene in qualche maniera, m5s annientato, il governo sta su.

✘ I nuovi contagi sono stabilmente assestati, in Italia, tra i millecinquecento e i duemila al giorno. Nel mondo, si sono toccate le cifre più alte in assoluto, trecentomila in un giorno, quindi la pandemia tocca i propri massimi ora mentre la nostra percezione è legata a marzo e aprile e tendiamo a pensare che il peggio sia passato. Viene da rilevare anche stavolta come preferiamo riferirci sempre alla nostra esperienza personale e vicina e trarne poi indicazione generale.
Grande errore.

☀ Nel tempo, ho intuitivamente capito che certi film usano tonalità principali declinate nelle varie scene per trasmettere un sentimento generale, più o meno le ricordo non distintamente: il grigio in Joker, per dire, il giallo nei film di Anderson, il rosso in Amélie e così via. Oggi ho appreso che esiste una teoria, lo sospettavo, ed è quella dei tre colori: qui una bella spiegazione. Non sarà l’unica, immagino.

☀ È uscito il bando per il posto di direttore all’area archeologica di Pompei. Certo, bisogna avere qualche requisito – che io non ho – ma che meraviglia sarebbe? L’ufficio è proprio agli scavi? Tra i benefit è compresa la possibilità di dormire di notte in qualche domus?

☀ C’è anche un bando per specialisti di architettura contemporanea. Io però a quello non partecipo, non distinguo un edificio razionalista da uno brutalista, un casotto di caccia da un ponte ferroviario ma il lavoro mi piacerebbe farlo.

☀ La Galleria Borghese – posto magnifico – intende acquisire il busto in bronzo di Urbano VIII Barberini di Bernini. E per farlo, ha lanciato una sottoscrizione pubblica. Se avete quei cinque euro in tasca che avanzano e considerando che la Galleria Borghese è davvero il luogo più titolato al mondo per avere opere di Bernini, allora ha senso partecipare. Conviene anche fiscalmente.

✘ «Un sindaco pugliese lo abbiamo già eletto ancor prima del confronto elettorale» faceva lo spiritoso Salvini settimana scorsa al comizio, perché Primiano Di Mauro, candidato leghista al Comune di Lesina, seimila abitanti in provincia di Foggia, era in effetti l’unico aspirante alla carica di sindaco. Fatta? No, perché serviva che almeno la metà più uno dei concittadini di Di Mauro si fidasse di lui e, evidentemente, così non è stato: 49,1 per cento di affluenza e tutti (lui) a casa. Ha perso da solo, complimenti.

la musica delle stagioni

È finita l’estate ed è finita, quindi, anche la mia compila stagionale. Ora è tempo di quella autunnale, ho cominciato a lavorarci.
Anche questa compila non contiene solo canzoni belle ma la maggior parte lo sono, a mio parere. Nella compila ci finiscono così, per passione di un momento o più duratura, perché a un certo punto mi piacciono anche se sono oggettivamente tremende, perché magari sono andato al concerto. Perché sono sciocche e mi divertono. Cose così. Niente di paragonabile alla cura con cui si facevano le cassette un tempo. Ma se ne avete voglia, anche solo per avere certe robe già pronte, eccole, le compile delle ultime undici stagioni.

Se però mi fate sapere qualcosa in ritorno, qualsiasi cosa, mi fate piacere.
Più semplicemente: inverno 2017 (75 brani, 5 ore) | primavera 2018 (94 brani, 6 ore) | estate 2018 (82 brani, 5 ore) | autunno 2018 (48 brani, 3 ore) | inverno 2018 (133 brani, 9 ore) | primavera 2019 (51 brani, 3 ore) | estate 2019 (107 brani, 6 ore)| autunno 2019 (86 brani, 5 ore)| inverno 2019 (127 brani, 8 ore)| primavera 2020 (102 brani, 6 ore) | estate 2020 (99 brani, 6 ore) |

almanacco dei sette giorni, per procrastinare (20.38)

✦ La mia settimana comincia nel migliore dei modi, visto che ho il piacere di assistere alla conferenzina stampina di Berluschini alle dimissioncine dal San Raffaelini. Non è che stesse benissimo prima, dopo il covid le consonanti nel discorso si sono fatte ancor più confuse e incomprensibili.

✦ Anche stavolta la bottiglia di amarone del 1994 resta chiusa. A proposito di covid, il fratello Gallagher (sto parlando degli Oasis, per i profani) che pensavo intelligente (Noel) ha detto che lui la mascherina non se la mette e che se si ammala sono solo affari suoi mentre il fratello che reputavo scemo (Liam) ha detto che il covid è una cosa seria e che non bisogna fare gli stronzi. Vedi come ci si sbaglia, nelle cose?
✦ Sempre sul contagio, la virologa Ilaria Capua spiega che «il pranzo della domenica con la famiglia può essere più rischioso che andare al supermercato» e questa sì che è un’ottima notizia, ora sì che ho un motivo più che giustificato e d’ora in poi domenica la passerò in un posto sicuro, al supermercato.
✘ Sempre pandemia, Tenet, il nuovo film di Nolan nei cinema (ne parlo qui in fondo), ha incassato complessivamente duecento milioni di dollari, e sto parlando di mondo. Pochi per un film che ne è costati più di quattrocento. Ma il motivo non è il film, il fatto è che nessuno va più al cinema. Cosa vera già prima della pandemia, ancor più vera ora. I servizi di streaming casalingo registrano numeri in grande crescita e il cinema agonizza. Io ci sono andato ed eravamo come le dita di due mani, ma vuoi mettere?
☀ Passando ad altro, da novembre 2021 le Barbados diventeranno una repubblica. Ora, io non sapevo che forma avessero fino a oggi e apprendo ora che sono una monarchia e la regina è, indovina?, Elisabetta II d’Inghilterra. Per cui, dopo solo cinquant’anni dall’indipendenza dal Regno Unito, è tempo di repubblica. E quando cade una monarchia io festeggio: metto su Rihanna.
✘ Fuffa in rete, ma tanta: gira il video dei ragazzi a scuola che fanno l’autoscontro con i banchi con le ruote, ed è un video di anni fa e, comunque, se ai miei tempi io avessi avuto un banco con le ruote altro che autoscontro, girano i video e le foto della protesta delle minigonne delle studentesse francesi e sono video e immagini di più di dieci anni fa. E bene che almeno i contesti sono appropriati. Di certo la rete italiana diventa sempre più autoreferenziale e provinciale, il mio invito è di fare uno sforzo e uscire dal cortiletto di Salvini, Feltri, Repubblica e i social nostrani.
☀ La senatrice Monica Cirinnà, PD, ha dichiarato di volersi candidare a sindaca di Roma, facendo le primarie del partito. Ora, siccome io la ricordo con gratitudine per la legge sulle unioni civili e come prima firmataria di una proposta di legge sul suicidio assistito, e anche perché è persona seria e concreta, sarebbe un’ottima cosa per Roma. Che, ricordo, è devastata da decenni di Alemanno, orrendo, Marino (non tanto lui, quanto il PD romano, per fortuna per poco) e molto Raggi, peggio degli imperatori del quinto secolo, a botte di quattro alla volta.
☀ Armand Duplantis al Golden Gala di Roma ha saltato con l’asta 6,15 metri. Record del mondo, un centimetro sopra il Bubka del 1994. Io me lo ricordo il record di Bubka, quello e gli altri sedici outdoor, perché lo vidi in diretta e vivaddio non riuscivo proprio a capire come si potessero fare i record un centimetro alla volta, io se avessi potuto avrei saltato una volta sei metri e quaranta e bon, sarei rimasto nella storia della disciplina per l’eternità. Bubka, giustamente, lo faceva per soldi, era anche il tempo dell’Unione sovietica, ci mancherebbe, ma io proprio non lo capivo. E ora tutti quei centimetrini sono il passato.

✘ Superati i trenta milioni di contagiati al mondo e quasi raggiunto un milione di morti. Questo lo scrivo per il me del futuro e, sarebbe utile, per gli stronzi che negano l’evidenza. Penso sempre più che ciò che ci farà svoltare in un breve tempo sia un test veloce (minuti) ed economico (uno-cinque euro). Si vuol fare un rave? Test fuori e dentro i negativi si comportano normalmente. Come a scuola, a cena, ovunque. Le mie aspettative al momento vanno in questa direzione.
✦ Ancora: la Crusca prende atto dell’uso e nonostante «sarebbe stato forse preferibile che il nostro acronimo si fosse affermato al femminile, in modo da evitare fraintendimenti tra nome del virus (SARS-CoV-2) e nome della malattia (COVID-19)» ora ammette per coerenza l’utilizzo al maschile di covid-19: il covid-19. Cosa peraltro che ho sempre fatto anch’io, evidentemente sbagliando.
☀ Ah, domenica sera appuntamentone: alla Cineteca Milano MIC di viale Fulvio Testi alle 17 proiettano La corazzata Potëmkin accompagnata al pianoforte da Francesca Badalini su musiche di Arvo Pärt. E mi chiedo: quanti alla fine si alzeranno in piedi per dire la solenne battuta? È un buon motivo per esserci.

editoria e musica ai tempi del covid-19: nel mezzo pt. 2

Dopo la prima superficiale disamina di dieci giorni fa, continuo a tenere d’occhio il mondo dell’editoria – libraria e musicale – per vedere che fa in tempi di covid-19. Catalogo questo, l’altro post e quelli futuri in ‘giocherelli’ perché ovviamente non ho letto nemmeno un libro e non lo farò, giudico tutto dalle copertine e dai sottotitoli, nella mia miglior tradizione critica. Via. Tra le case più attive, si segnalano ancora Piemme e Bollati Boringhieri: la prima è lanciatissima e spara fuori librelli piccoletti (le «molecole») su qualsiasi cosa e il coronavirus, immagino un po’ ricicciando quello che già ha. Se l’altra volta suggerivo anche «Utopia e pandemia», stavolta butto lì un «De monarchia e coronavirus» e, se l’autore è d’accordo, un «Prose della volgar lingua al tempo del coronavirus», in cui si affronta il problema della lingua della scrittura in tempo di pandemia. Più diretta Bollati Boringhieri che punta direttamente al cuore del problema tralasciando le incertezze, con un titolo dedicato al covid-19 senza rimestare il già rimestato, in apparenza. Bravi (sopravvolando decisamente sull’incipit del sottotitolo, «chi è questo coronavirus?» che nemmeno Quelo in trance agonistica).

A proposito di rimestamenti nel catalogo e uscite sull’onda del tema contagioso, Ponte alle Grazie merita un posto d’onore con l’ennesimo testo di Chomsky, nel quale – indovino – sarà stato fatto un cerca/sostituisci tra «governo», «potere», magari più probabilmente «guerra», e «pandemia». Non ne sono certo, dovrei leggerlo. Castelvecchi, invece, si affaccia con quello che pare essere un testo originale, uno sguardo d’insieme. Bravi?

Ma è un’illusione, perché invece si sono lanciati di testa dentro il tema caldo, altroché, un titolo per settore spaziando in tutto l’umano scibile. Mancano i canti popolari napoletani in tempo di coronavirus, l’arte della tessitura degli arazzi in tempo di coronavirus, la storia della pasta brisé in tempo di coronavirus e il tema della pandemia nelle opere degli espressionisti viennesi. Ma è solo questione di tempo, nutro fiducia.

Spazio poi al primo libro in autopubblicazione che ho incrociato – figuriamoci, saranno mille – «Omicidio al tempo del lockdown», romanzo giallo in cui, azzardo, il tema del delitto della camera chiusa potrebbe assumere nuovissime evoluzioni. Oddio, forse ho avuto un’idea brillantissima, potrei… Ma no, meglio cazzeggiare. Segnalo la ristampa di «Abisso» di Koontz con sottotitolo d’attualità (segnalo ai marziani che il romanzo è del 1981 e parla dell’arrivo nel 2020 del virus-arma letale Wuhan 400, anvedi), la prima edizione riportava invece la citazione: «Una lettura a vostro rischio e pericolo», spassosoni, attribuita allo stesso Koontz.

Non mancano le riviste: Vanity Fair ingaggia Sorrentino per un numero speciale, gli affida anche la copertina che lui riempie con una fotografia di Roma deserta, a dirla bene Trinità de’ Monti deserta di umani e ricolma di fenicotteri rosa. Lascio a esegeti che conoscano la materia l’interpretazione, a me oscura, la cosa più divertente di tutto è la nota in calce: «Questo numero non contiene interviste a virologi», che basterebbe per comprarla.

Ma la palma del riciclo del periodo, mi spiace dirlo, tocca di nuovo a Piemme che, sull’onda di Bonaccini che batte prima la destra, poi il virus e poi chissà che altro, magari i Meganoidi, ricicla titolo, copertina, foto del Bonaccini stesso e non oso aprire i due volumi, chissà che meraviglie.

Massimo risultato, minimo sforzo. O quasi, dai, le apparenze ingannano? Bonaccini contro Gozzilla, Bonaccini batte il cambiamento climatico, Bonaccini batte Chuck Norris. La povertà no, che l’ha già battuta Di Maio. Olè.