almanacco dei sette giorni, per suturare (20.44)

☀ A volte i nomi dei paesi non sono un granché.

Canada, Norvegia, Stati Uniti. Ma ce ne sono mille e mille. Ad alcune va meglio, nel senso che la norvegese Hell, per esempio, ci campa sul nome bislacco, eccome. Altre meno. Cambiare il nome di un paese non è, però, semplicissimo. Un articolo al riguardo.

✘ L’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani ha nominato il nuovo responsabile nazionale per “Valorizzazione dei beni storici e culturali”: Vittorio Sgarbi. Bravi, bene, avanti così. Giova ricordare che siamo all’accumulo delle cariche: Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Canova Onlus di Possagno (Treviso), del MART – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, della Fondazione Ferrara Arte, deputato alla Camera e sindaco di Sutri (in provincia di Viterbo). E candidato, pare, a sindaco di Roma. Pessimo.

✘ Keith Jarrett, purtroppo, non può più suonare. Il motivo sono due ictus, come ha raccontato lui stesso in un’intervista, cosa rarissima, che gli hanno reso infermo il lato sinistro del corpo. E io non faccio che pensare alla tristezza e al dolore di chi, amando la lettura, non riesce più ad aprire un libro, a chi ama la musica e non sente più, a chi ama dipingere, suonare, correre, camminare, disegnare e non può più farlo.

✘ Un medico brasiliano che stava partecipando come volontario alla fase 3 del test del vaccino sviluppato dall’azienda AstraZeneca è morto. Ma attenzione: una fonte informata ha precisato a Bloomberg che all’uomo non era ancora stato somministrato il vaccino. Eppure, la notizia è su tutti i giornali italiani in prima pagina, pure con la precisazione. E dunque? Qual è la notizia? È una notizia? Che bisogno c’è, tra l’altro, di dare un’altra, ulteriore sponda ai no-vax? Semplice: un titolo per il clickbaiting, ovvero fatto perché i lettori clicchino. Il fatto che non sia una notizia e che anzi abbia effetti deleteri non importa.

✘ A proposito di farmaci: la casa farmaceutica Purdue Pharma, produttrice dell’OxyContin, è stata riconosciuta colpevole di aver contribuito a creare la crisi da oppiacei negli Usa ed è stata condannata al risarcimento di otto miliardi di dollari e alla chiusura. Se non sapete nulla della questione degli antidolorifici a base oppiacea negli Stati Uniti – e ovviamente volete saperne di più – leggete Questa è l’America. Storie per capire il presente degli Stati Uniti e il nostro futuro di Francesco Costa, il primo capitolo spiega bene la cosa. Da accapponare la pelle, prometto.

☀ Ora mi tocca dire cose positive sulla Norvegia, contraddicendo quanto ho detto negli ultimi quindici anni. Ma non rinnego nulla. La Norvegia non fa parte dell’UE ma dello spazio economico europeo (SEE, che include i paesi dell’Unione, Islanda, Liechtenstein e Norvegia, appunto). Secondo gli accordi interni al SEE, la Norvegia eroga ingenti fondi a quindici paesi europei economicamente più deboli. Questa è nuova, eh? Comunque, il governo conservatore norvegese – sottolineo: conservatore – ha deciso di sospendere il sostegno ai paesi che violano i diritti umani e lo stato di diritto: Polonia e Ungheria. Pazzesco. Rispettivamente 65 e 214 milioni di euro, mica paglia. E non bastasse, il governo norvegese (ancora: conservatore!) ha bloccato il pagamento di 100 milioni di euro alle città polacche che hanno vietato iniziative in favore dell’«ideologia LGBT». Sorpassando a sinistra l’Unione europea, alla grande. Sono commosso. Grazie, Erna Solberg, e al governo tutto.

✘ In Polonia è decaduto, grazie al governo di iperdestra, anche il terzultimo motivo legale per abortire, le gravi malformazioni del feto. Restano il pericolo di vita della madre e lo stupro. Fortuna che c’è la Norvegia a difenderci, perché dall’Unione europea nemmeno una parola.

✘ Gianni Alemanno, ex ministro e soprattutto ex sindaco di Roma per una sciagurato mandato, è stato condannato anche in appello a sei anni per corruzione. Era il segreto di Pulcinella persino allora, lo ricordo, sinceramente che venga condannato o meno ha per me poca importanza, rispetto a quanto si è perso in quegli anni per colpa sua.

◆ Rimandata la pubblicazione del libro del ministro della salute Speranza. Il titolo è: «Perché guariremo: Dai giorni più duri a una nuova idea di salute». Chissà perché.

Con tutto lo sforzo possibile, non è stata una settimana buona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.