minidiario scritto un po’ così delle cose recidive, ovvero perseverare nella pandemia: novembre, arancioni per trattativa, le spese di natale, le zone dei no-vax, una modesta proposta

Alla fine ce l’abbiamo fatta: da ieri siamo regione arancione. E con noi lombardi i piemontesi, calabresi, restano rosse la Toscana, Valle d’Aosta, la provincia di Bolzano, Abruzzo e Campania. Sebbene la differenza tra una zona rossa senza controlli e una arancione sia davvero poca, lo scolorimento – o promozione, non so – è stato interpretato un po’ come un liberi tutti. Avanti, i negozi sono aperti, tutti fuori. L’impressione, almeno, pare quella. Beh, poi non scherziamo: c’è natale. Anzi, Natale.
Siccome siamo tutti certi che Natale sia un’occasione commerciale da non perdere per le aziende italiane, dai microbi ai giganti, e per gli esercenti, dai fruttaroli ai mangifici, non possiamo certo perderla. Ma se gli incassi sono così favolosi, serve ovviamente – per certe ovvie leggi economiche che non starò qui a enunciare – che qualcuno quei soldi li spenda. E che ne spenda tanti e con cuor leggero.
Ma chi è quel qualcuno? Io no di certo, i soldi per natale (e per Natale) non li ho mai spesi, a parte un modesto panettoncino di qualità e un bollicino di dubbia provenienza con retrogusto metanolato, tanto per non sentirmi escluso. E allora chi?
L’italiano-medio, quel famigerato? La casalinga di Voghera delle favole di un tempo? La piccola borghesia impiegatizia? I giovani blue collar? Io proprio non lo so. Come non so chi stia facendo la fortuna di Amazon in questo periodo di lockdown – la compagnia dichiara profitti vertiginosi ancor più vertiginosi dei già vertiginosi profitti normali -, immagino tutti in modo abbastanza trasversale. Vale anche per il Natale? Candele, abeti, tovaglie, cotechini, calze, maglioni, panettoni?
Di sicuro ci sono i collaterali e il dibattito ferve: e lo sci? E gli skipass? Magari solo per i residenti o chi ha casa o stanza in hotel? E quante persone posso invitare al cenone? Più di dodici? Conta il nonno rincoglionito in poltrona o fa arredamento e lo si conta come oggetto? E si può andare fuori regione? E la messa? Come si fa ad andare alla messa di mezzanotte e non infrangere il coprifuoco? Gesù si offende se si anticipa di un paio d’ore? E i marò? E Bibbiano? E allora il PD?

Il governo, va detto, anziché semplificare tende a incoraggiare questo distinguo continuo, per cui il DPCM dovrà dettagliare di fino per prevenire il doppio retropensiero militante. E ciò che non dirà sarà lecito, secondo la allenatissima capacità di cogliere i dettagli e tralasciare serenamente le raccomandazioni generali: ci sarà di certo un furbaccino che si inventerà una cena da cento persone distribuite nelle stanze dell’ampio appartamento accatastato però con diverse unità immobiliari, risultando così vincitore sulla Legge e lo Stato.
Prosegue lo scandalo dei vaccini antinfluenzali in Lombardia, ovvero non ci sono e non si trovano. Né col sistema sanitario né privatamente. Molti i medici di base che stanno rinviando gli appuntamenti con i pazienti a una data immaginaria «verso la metà di dicembre», come peraltro ha detto loro la Regione. Ma senza assicurare alcunché, perché nessuno è più in grado di dire nulla. E allora che succede? Che le persone, tra cui io e alcuni miei congiunti, vanno a cercarsi il vaccino e spesso lo trovano dall’altra parte della regione, muovendosì quindi contro le regole del buon senso. Qualcuno mi riferisce di essersi fatto furbo e aver cercato il vaccino dove potrebbe essere disponibile, ovvero nelle zone dove i no-vax sono di più. Pare che a Rimini sia così e che i vaccini siano disponibili persino nelle farmacie. Ha senso tutto ciò? Ovviamente no. Non parliamo del Prevenar 13, il vaccino contro la polmonite, quello manco si capisce dove cresca e come si possa assumere.
Che a tutto questo si accompagni, da domani, la «lotteria degli scontrini» è davvero una cosa meravigliosa. Secondo un calcolo bizantino tra euro spesi e codici lotteria legati allo scontrino elettronico, uno può vincere altri soldi messi in palio dallo Stato, con i quali soldi dello Stato poi potrebbe, forse, offrire grandi cifre per ottenere un vaccino che lo Stato stesso non offre. Forse i vaccini potrebbe metterli in palio, allora sì che la lotteria avrebbe davvero successo. Come primo premio, una vaccinazione eptavalente che vi coprirà davvero da ogni malattia, al secondo una esavalente (polmonite esclusa), al terzo una tetravalente (quattro coperture a scelta), e dal quarto al decimilionesimo una bustina di Fluimucil. Urrà.


Indice del minidiario scritto un po’ così delle cose recidive:
26 ottobre | 27 ottobre | 29 ottobre | 1 novembre | 3 novembre | 4 novembre | 6 novembre | 8 novembre | 11 novembre | 14 novembre | 18 novembre | 21 novembre | 25 novembre | 30 novembre |

almanacco dei sette giorni, per pazientare (20.48)

✘ Il Ministero per i beni culturali ha acquisito l’archivio e la biblioteca di Pino Rauti. Sul sito del ministero, Direzione Generale Biblioteche e diritto d’autore, la notizia viene riportata così: «La BNCR ha riordinato, inventariato, catalogato e reso disponibile alla fruizione pubblica l’archivio e la biblioteca personale di Pino Rauti, uno dei personaggi chiave della Storia della Destra in Italia: organizzatore, pensatore, studioso, giornalista, deputato dal 1972 al 1992. Tanto attivo e creativo, quanto riflessivo e critico». Il Mibact puntualizza che Rauti fu prosciolto per le stragi di Piazza Fontana, di Brescia, sentendosi ovviamente in discussione, e scrive poi: «Alla Biblioteca Nazionale centrale di Roma, sono stati presentati l’archivio e la biblioteca personale dello Statista». Statista. Con la maiuscola.
Poi hanno cancellato ma il fatto resta.

▪ Da oggi, domenica, cambia qualche parola qua e là della liturgia della messa. Dal più evidente «e non ci indurre in tentazione» del Padre nostro che diverrà «non abbandonarci alla tentazione» – teologicamente ambiguo che la tentazione al male venga da Dio – al passo altrettanto noto del Gloria «pace in terra agli uomini di buona volontà» che viene adattato al migliore ma meno musicale «pace in terra agli uomini, amati dal Signore». L’Atto Penitenziale include le «sorelle» ovunque vi sia un «fratelli». Anche le parti riservate al sacerdote cambieranno parecchio, per esempio la preghiera del Santo passerà da «santifica questi doni con l’effusione del tuo Spirito» a «santifica questi doni con la rugiada del tuo Spirito». Meno riuscito, se posso dire. E il «purificami da ogni peccato» diventerà «dalla mia colpa, dal mio peccato rendimi puro». E Milano farà come sempre quel che vuole, ambrosiani.

✘ All’Espresso hanno perso un po’ la misura. Ancora.

Senza nulla togliere a Zerocalcare, chiaro.

▪ Effetti: Moderna annuncia l’efficacia del proprio vaccino e le prenotazioni di voli di Easy Jet aumentano del 50%. C’è voglia nell’aria. Probabilmente sono state le offerte valide per tutto il 2021.

✘ Franceschini, ministro dei beni culturali, auspica la nascita di «una piattaforma italiana che consenta di offrire a tutto il mondo la cultura italiana a pagamento, una sorta di Netflix della cultura (…) per esempio, ci sarà chi vorrà seguire la prima della Scala in teatro e chi preferirà farlo, pagando, restando a casa». Qualcuno spieghi a Franceschini che per questo compito ci sarebbe già la RAI. Grazie. Mentre Franceschini ci pensa, per fortuna ci sono i franco/tedeschi di Arte.tv.

✘ Mentre Biontech e Pfizer stanno inoltrando le richieste di autorizzazione agli organismi sanitari americani ed europei, in Cina un vaccino ancora in fase sperimentale è stato somministrato a circa un milione di persone. Porelli.

Con un editoriale ben scritto, ben motivato e coraggioso il Giornale di Brescia, giornale solitamente codino e provinciale, ha annunciato che non aggiornerà più la propria pagina Facebook. Ben fatto. Scelta rispettabile e condivisibile, soprattutto se se ne leggono le motivazioni. A quando la cancellazione del profilo?

✘ Parità: stamattina alla radio ho sentito un conduttore riferirsi a una donna amministratore delegato di un’azienda come «CEA». Argh.

Vabbè, settimana media. Il che già non è male, visti i tempora e i mores. Franceschini e Mibact a parte.

minidiario scritto un po’ così delle cose recidive, ovvero perseverare nella pandemia: novembre, i bar con il dentro, fatiche, ospiti natalizi

Mi accodo a chiunque abbia un lavoro da fare fuori comune. O visite, consegne, interventi urgenti, qualsiasi cosa, tutto pur di fare un giro e cambiare aria. Lunedì mi sono accodato a un mio collega che doveva fare un intervento in sede a un cliente, la cosa era molto allettante per svariati motivi, mi sono accollato. Primo, la destinazione: in un’altra regione. Che ebbrezza. Secondo, il colore della regione: giallo, santoddio, giallo. Nemmeno arancio, ogni libertà è dunque concessa. Terzo, il cliente: persona nota nel mondo dello spettacolo. Che mi serve d’altro? Nulla. Partiamo per la campagna a sud-est di Padova. In autostrada, da destra, due file ininterrotte di TIR, quindi le merci viaggiano, a differenza degli uomini. Che destino, eh? Sulla terza corsia, sfanalatori immancabilmente con Audi e le persone normali, un treno unico di veicoli, vista da qui la pandemia pare non esistere.
A Padova realizziamo cosa significhi davvero la zona gialla: lì hanno i bar come noi ma ci si può sedere dentro. Distanziati, certo, lontani dal bancone, ma dentro. E si può pranzare al ristorante, giuro. Non bisogna portarsi via gli scartocci di alluminio o di plastica, per dire, e mangiarli in auto, in cantina o segretamente il più delle volte.
Qui sotto un’immagine della zona gialla, ovvero come vivono là fuori:

Vivono meglio. Non molto ma meglio, diciamo. Lontano dalla normalità anche loro ma meno distanti, invidio la loro normalità zoppa rispetto alla nostra, monca. Come ci si abitua anche quando non ci si diverte. Per la città nessun turista, nessun pellegrino a baciare la lingua del Santo, molti negozi comunque chiusi, il quadro è abbastanza desolante anche qui. Ma noi la viviamo come una vacanza, facciamo un giro per la città – è permesso andare a spasso liberamente -, non riusciamo a vedere l’interno del Palazzo della Ragione, purtroppo è pur sempre zona gialla. Prendiamo un caffè e un tè seduti ed è come godere di un lusso, di una carta fortunata, di un giro in più passando dal via. Ed è quello che poi mi pesa di più oggi, mi rendo conto che faccio più fatica, le restrizioni ora mi vanno più strette. Non concretamente ma dal punto di vista dello sforzo di testa per fare il bravo, rispettare le regole, seguire le indicazioni ancora per mesi, vivere ancora a lungo in una situazione di emergenza sanitaria.
A me frega ben poco del natale e delle cene, quindi per quanto mi riguarda si chiuda pure e si riapra alla befana. E poco capisco tutto il menino attorno ai veglioni e ai cenoni, più di sei, meno di quindici, ma congiunti? Mi auguro non sia il solito casino, con decisioni sempre frutto di compromessi al ribasso e contrattazioni separate, invidio anche stavolta la Germania, che tra i pregi che ha possiede senz’altro la chiarezza: chiusi pesantemente fino al 22, dal 23 all’1 ci si può vedere a cena in dieci persone al massimo, chiunque esse siano, e dall’anno nuovo si richiude. Piste da sci chiuse. Punto fine. Patti chiari, amicizie lunghe e persone con le idee chiare su cosa si possa fare e cosa no. Da noi mai, avanti con le deroghe per i parenti «strettissimi», quelli «stretti», quelli «necessari», quelli «rompicoglioni» ma «invitabili». Che spreco di energie utili.


Indice del minidiario scritto un po’ così delle cose recidive:
26 ottobre | 27 ottobre | 29 ottobre | 1 novembre | 3 novembre | 4 novembre | 6 novembre | 8 novembre | 11 novembre | 14 novembre | 18 novembre | 21 novembre | 25 novembre |

minidiario scritto un po’ così delle cose recidive, ovvero perseverare nella pandemia: novembre, forse un miglioramento, i vaccini, l’alfabeto calabro

Apparentemente, lo dico piano, in Lombardia i dati dei ricoveri e dei contagi paiono stabilizzarsi. Se proseguisse così per qualche giorno, potrebbe essere plausibile essere declassati da zona rossa ad arancione. Non cambierebbe granché dal punto di vista pratico, perché è pur vero che si potrebbe circolare liberamente nel proprio comune ma è pur vero che, almeno nel mio, lo si poteva di fatto fare lo stesso, non essendoci alcun controllo. Il punto, però, è un altro: se i dati migliorano, vuol dire che le limitazioni messe in atto finora qualche risultato lo danno e io, sinceramente, sono sollevato. Tutto sommato, a parte alcune restrizioni fastidiose, la cosa è complessivamente accettabile, temevo dovessimo ricorrere di nuovo al lockdown totale e la cosa, lo ammetto, mi rendeva piuttosto nervosetto. Tutto ciò continuo a dirlo piano e con i periodi ipotetici, perché è ancora tutto da vedere.
Anche perché, comunque, in settimana si è superata la soglia di ventimila morti in Lombardia per covid, ed è una cifra spaventosa. La Germania tutta, ottanta milioni di persone, ha avuto complessivamente tredicimila morti: né pochi i loro né i nostri ma la sproporzione è evidente. La faccenda, dunque, è ancora nel pieno dello sviluppo, niente facili entusiasmi, specie da parte dei fanatici del Natale.
Prosegue la saga dei vaccini o, più che altro, degli annunci: prima la Pfizer con un vaccino efficace al 90% e da conservare a ottanta gradi sotto zero, poi Moderna al 94,5% con vaccino da frigo, rilancia Pfizer col 95% sempre nei superfreezer, si inserisce ieri Oxford-AstraZeneca che spara altissimo, al 99% e robustissima risposta immunitaria da parte degli anziani. Adesso è dura fare meglio, davvero dura. La borsa gongola e gli investitori pure. E i pazienti?
I pazienti, noi, meno, perché è ancora tutto da vedere. È pur vero che la ricerca e lo sviluppo sono stati più veloci per vari fattori – finanziamenti a pioggia e copertura totale, oltre a preacquisti mostruosi e la sicurezza di avere già ogni spesa coperta; una cosa che non ho ben capito sull’RNA che, comunque ha velocizzato di molto la cosa; lo sforzo combinato e concentrato di buona parte del pianeta insieme, cosa mai vista prima – ma qualche dubbio sulla sperimentazione è ovvio che rimanga. Ha dato voce a questi dubbi Crisanti, l’ordinario dell’università di Padova che si era distinto in primavera per l’approccio alla gestione della pandemia ed è stato poi chiamato a Roma. Crisanti ha detto: «Normalmente ci vogliono dai 5 agli 8 anni per produrre un vaccino. Per questo, senza dati a disposizione, io non farei il primo vaccino che dovesse arrivare a gennaio». Apriti cielo. La comunità italiana scientifica e non si scaglia contro la dichiarazione, contestandone il contenuto, perché la vigilanza di Ema, Agenzia europea per i medicinali e FDA Food and Drug Administration pare essere ferrea, e il messaggio, cioè lanciato da una persona che non è specialista della materia e che potrebbe aumentare la sfiducia nei vaccini.
Ora, io non ne so niente: non so come si testino i vaccini, non so se la vigilanza dei vigilanti sia effettivamente ferrea, non so se saremo pronti davvero o sarà un azzardo. Ma quanto dice Crisanti è importante, secondo me, proprio perché è detto da una persona che non è competente in argomento. Perché ben riassume ciò che anch’io, persona favorevolissima ai vaccini, penso. Ossia, che forse lascerei andare avanti altri al primo giro, perché tutto mi pare effettuato in gran fretta, per quanto ho visto finora nel campo della ricerca scientifica nella mia vita. Cioè che serve tempo e provare provare provare. E se questa cosa la penso io – che, ripeto, sono un sostenitore dei vaccini – la pensano di certo molti altri, ben più scettici e negativi.
Se, dunque, si dovrà fare una campagna di vaccinazioni a tamburo battente, allora è bene pensare che servirà supportarla con un’altrettanto robusta campagna di comunicazione, fatta per tempo (cioè fin da ora), e con gli argomenti giusti. Non pupazzetti e testimonial ma rassicurazioni e informazioni corrette. Perché il fronte dei dubbiosi non sarà esiguo. Per cui, non basta smentire con forza Crisanti ora, bisogna considerare ciò che sta segnalando, un possibile vasto disagio di fronte alle mosse del mondo farmaceutico, che è notoriamente inquinato, e non da oggi, da motivazioni economiche, finanziarie, aziendali e non certo mosso da generosità e bontà universali. Non tutto, almeno.

Poi c’è il contorno. Il bar Feeling, nella zona di Ponte Galeria a Roma, attacca un cartello sulla porta e dietro il bancone: «Vietato parlare di Coronavirus» e «è sconsigliato formulare possibili scenari, veggenze su prossimi dpcm, virologia». Iddio vi benedica, se potessi a) uscire di casa, b) uscire dal mio comune, c) uscire dalla mia provincia, d) uscire dalla mia regione, e) entrare nella vostra regione, f) andare in un bar, sicuro che verrei da voi. Sai che sollievo.
Prosegue la saga-Calabria (altra saga!) in un precipizio di eventi, letteralmente. Oggi, Nino Spirlì, presidente facente funzioni della Calabria, dichiara: «Emergency? Noi non siamo quarto mondo, siamo una delle Regioni italiane e non vogliamo essere trattati come un Paese in guerra». E fin qui vabbè, se ne potrebbe anche discutere, nonostante quanto visto negli ultimi giorni. Ma lo Spirlì rafforza il suo ragionamento e cala l’asso dell’orgoglio calabro: «Siamo la terza Regione italiana in ordine alfabetico». Oggesù, davvero? Eh sì, Abruzzo, Basilicata, Camp… no, Calabria, terza. È un fatto.
Sempre per restare in ambito idioti, lo stesso giorno in cui UTET Grandi Opere dichiarava fallimento, una ritardata istigata da certi canali televisivi pubblicava una canzone ispirata al suo tormentone negazionista e sdentato «Non ce n’è di Coviddi», mandando ancora più a fondo la mia gioia di convivere con una certa fetta di italiani. Però. Lei, la tizia balzata alla notorietà, fa quel che farebbero quasi tutti, ne approfitta. Più che colpevole, è da compatire. È chi ne approfitta, dandole gli strumenti per amplificare la propria scempiaggine – la canzone, le trasmissioni in cui cantarla, le interviste – che andrebbe impalato sulla pubblica piazza. E chi, non meno colpevole, guarda con avidità e rilancia in rete il messaggio, per quanto commentandone con divertimento la stupidità: impalamento uguale.
Ho una domanda, infine. Posso? In questi ormai nove mesi di covid e pandemia, avendo io ormai sentito l’opinione al riguardo di quasi tutti in questo paese, da Conte al mio fornaio, dai bagnanti di Mondello al capo dell’ISS, e più e più volte, visto che nessuno si è sentito esentato mai dal dover parlare a voce alta, la domanda è: ma i sindacati? Qualcuno li ha visti o sentiti? Qualche parolina sul lavoro e sulle casse integrazione? Sbaglio? Se sono molto presenti e son scappati solo a me, vi prego, avvisatemi. Ché da qui non sempre vedo bene.


Indice del minidiario scritto un po’ così delle cose recidive:
26 ottobre | 27 ottobre | 29 ottobre | 1 novembre | 3 novembre | 4 novembre | 6 novembre | 8 novembre | 11 novembre | 14 novembre | 18 novembre | 21 novembre |

minidiario scritto un po’ così delle cose recidive, ovvero perseverare nella pandemia: novembre, 90-94,5-95, vaccini non covid, condòmini brutti

Prima il colosso farmaceutico Pfizer annuncia di avere realizzato un vaccino efficace nel 90% dei casi, fa un balzo in borsa e poi spiega che la conservazione deve avvenire a ottanta gradi sotto zero. Il paese si interroga se sia il caso di dotarsi di freezer tipo Sammontana a ogni angolo di strada. Dopo qualche giorno risponde Moderna, altra azienda, annunciando che il proprio vaccino ha un’efficacia del 94,5%, ciapa e porta a casa Pfizer. E non bastasse, va conservato nel frigo di casa e può anche sopportare ventiquattro ore a temperatura ambiente senza guastarsi. Pum! Ma Pfizer non ci sta e annuncia oggi di avere completato la terza fase della sperimentazione e vualà: 95% di efficacia, rosica Moderna! Qualcuno offre novantasei? Novantacinque e uno… Novantacinque e due… Dai che si può fare di meglio.
Anche i delirii locali non vanno meglio: dalle risse alla Lidl per le scarpe – il difficile è stabilire con certezza il grado di disagio psichico di chi le compra in seconda battuta a prezzo decuplicato, in piena pandemia – alla vicenda dei vaccini antinfluenzali in Lombardia. Dopo le nove gare della Regione (ne ho detto qui), i vaccini non bastano per tutti, quindi tocca trovare vie alternative. E, stupefazione!, i gruppi ospedalieri privati li hanno e offrono gentilmente la vaccinazione a soli cinquantacinque euro, mortacci. Visto che il vaccino s’ha da fare, specie quest’anno, si scuce il denaro senza fare una piega e via. È giusto? No, non lo è. È possibile che la Regione – unica nel panorama italiano Calabria esclusa, ormai fuori scala – non sia riuscita a procurarsi vaccini sufficienti per tutti nonostante avesse molti mesi per farlo? No, non lo è. È ragionevole chiedersi, dopo tutto, se si possa ravvisare del dolo dietro a tanta inspienza? Sì, è ragionevole. Lo è per me, almeno. Pfizer, figurati. Ma non basta: Piemonte e soprattutto Lombardia chiedono con insistenza di essere decolorati a ‘zona arancione’ e la convinzione si fa strada anche nella popolazione. Peccato che i dati siano preoccupanti, i contagi molti, i posti liberi in terapia intensiva pochi. In alcune zone calano i ricoverati non perché calino per davvero ma perché gli ospedali li respingono, per mancanza di letti. Già. Ma non basta ancora: l’ex magistrato Ingroia afferma che «la ‘ndrangheta forse ha avuto un ruolo nella creazione del coronavirus», e come no. Ma non basta ancora ancora: parecchi medici di base non vaccinano contro l’influenza i propri pazienti perché, mi riferiscono in parecchi, «non hanno la struttura idonea». Al mio caratteristico sguardo interrogativo ho ricevuto spiegazione: perché i condòmini si sono rifiutati di avere persone vaccinande per le scale e all’entrata. Sul serio. Tutti pazienti regalati al privato, anche questi. Per carità, le brave persone saranno anche la maggioranza ma ci sono in giro un sacco di spostati che, quando danneggiano anche gli altri oltre a sé stessi, diventano banditi.

Come dice qualcuno saggio, in Comune si fa la Comunione. Ah, non ho assistito alla riunione in cui Lino Banfi ha presentato i progressi del suo lavoro all’Unesco per il governo italiano, qualcuno ne sa qualcosa? Vabbè, sto celiando. Il presidente Conte ribadisce quanto vado dicendo anch’io, «nel Paese c’è un diffuso disagio psicologico e sociale», non potrei essere più d’accordo. Amen. Sarà lunga.


Indice del minidiario scritto un po’ così delle cose recidive:
26 ottobre | 27 ottobre | 29 ottobre | 1 novembre | 3 novembre | 4 novembre | 6 novembre | 8 novembre | 11 novembre | 14 novembre | 18 novembre |

almanacco dei sette giorni, per pivotare (20.47)

☀ Per la prima volta nella sua storia quasi centenaria, Time non ha messo il nome della rivista in copertina, optando per un’esortazione che, per fortuna, ha dato ottimi risultati:


✘ «Con la stessa rapidità con cui ho accettato, mi dimetto su richiesta del ministro Speranza per rispetto che ho e ho sempre avuto per le istituzioni». Sopravvolando sulla questione del rispetto, anche Zuccatelli, secondo commissario vergognoso della Calabria, si è dimesso. Lui è quello de «le mascherine non servono a un cazzo», per dire. Nel frattempo, Gino strada, a oggi, non ha ricevuto alcuna telefonata dopo la prima. E, giustamente, si chiede se la cosa sia seria.

Ma la cosa è in rapida evoluzione: in queste ore è stato nominato l’ex rettore della Sapienza, non so se abbia competenza specifica, e pochi minuti dopo si scopre che è indagato per altre faccende. Avanti così, se questa cosa si poteva fare male, direi che il piano è riuscito oltre ogni attesa.
Ecco, arriva ora la notizia che anche Gaudio si è dimesso, vanno più veloci di quanto io non riesca a scrivere qui. E si è dimesso, dice, perché la moglie non vuole trasferirsi a Catanzaro. Cosa che ovviamente non sapeva quando ha accettato. Avanti, ottimo così.


✘ Se in Calabria va male, in Perù non va meglio: terzo presidente in una settimana. Martín Vizcarra è stato rimosso, Manuel Merino si è dimesso e, ora, Francisco Sagasti ad interim. Sarà il presidente provvisorio del Perù e porterà il paese alle elezioni dell’aprile 2021. Se dura.


☀ Questa non è una notizia ma una cosa bella: un gruppo di appassionati del cinema russo e sovietico, resisi conto che gran parte dei loro film preferiti non sono mai arrivati da noi, li hanno tradotti e sottotitolati. E non basta, li rendono disponibili gratuitamente. Troppa grazia.

Qui sopra la locandina di ‘Mosca non crede alle lacrime‘, del 1980. Il tutto sta qui.


☀ «Era l’inverno del 2020 quando tutti gli occhi del paese si rivolsero verso di noi. Avevo appena compiuto 22 anni, studiavo ingegneria a Chemnitz quando arrivò la seconda ondata. 22 anni, l’età in cui vuoi far festa, studiare, conoscere nuove persone e tutto il resto. Andare a bere una cosa con gli amici». Così comincia lo spot sul covid del governo tedesco che invita le persone a stare a casa. È qui.


☀ Ed è Sophie Ellis-Bextor che interpreta al meglio i mala tempora pandemici che corrono, con il suo nuovo singolo. Come sempre infallibile, peccato che si tratti di una cover, brutto segno per l’andamento della carriera.


☀ Se avete centoventicinquemila dollari e buona salute, potete far parte di una delle missioni ‘Titanic Survey Expedition’ della OceanGate. Dieci giorni, di cui buona parte sul fondo del mare a studiare il relitto del Titanic dentro una suppostina di metallo. Qui il modulo da compilare.


☀ Periodo di prime volte per ‘una donna’, titoli orrendi, alla banca centrale giapponese, alla Sapienza, alla vicepresidenza degli USA, a Ca’ Foscari, in Facebook in Africa. Bene ma che non sia più una notizia il prima possibile.

Parecchi soli, questa settimana. Fatti migliori o solo umore?

minidiario scritto un po’ così delle cose recidive, ovvero perseverare nella pandemia: novembre, divieti e sindaci sceriffetti, Marion: perché?

Rapidamente. Ricompare Gallera, assessore alla sanità in Lombardia, dice che il contagio sta rallentando e in serata, imprevedibilmente, i contagi sfondano il muro mai raggiunto dei quarantamila, di cui più di un quarto in Lombardia. Revisione del governo dei colori delle regioni, parecchie aumentano di gravità, rosso o arancione, le susseguenti polemiche sono di tenore sostenuto del tipo e-loro-allora? Di conseguenza, partono i delirii dei sindaci che si concretizzano in divieti locali, per cui a Bressanone è vietato andare nudi alle mostre di arte contemporanea, a Verona fumare sigarette in pubblico ma solo se con il bocchino, a Certaldo diventa proibito percorrere i sensi unici nella direzione giusta, a Benevento le piazze saranno chiuse agli artisti di strada e ai revisori dei conti, a Roma è proibito l’uso dei megafoni, soprattutto nelle conversazioni familiari. L’oggetto da avere (must have) del momento è senz’altro il saturimetro, non c’è giornale o rubrica che non spieghi i pregi dello strumento, come usarlo e come leggere i risultati, difficile distinguere il marchettone dal boh. Su Amazon festeggiano e ne offrono dai tre ai centonovanta euro. Io, modestamente, ne ho uno bellissimo, tutto tempestato di rubini e diamanti, che segna 99% sulla mano sinistra e 96% su quella destra. Ho la metà destra del corpo in carenza di ossigeno, devo rimediare. Sempre per non farci mancare nulla, è pure uscito un film qualche giorno fa che prende per buone le teorie complottiste riguardo al virus e alla pandemia e le rilancia in rete: il film si intitola «Hold up», è francese, è frutto di una campagna di crowdfunding, è costato duecentomila euro, si trova sulla maggiore piattaforma video in rete, io gli ho già fatto troppa pubblicità perché è una sonora stronzata. La cosa che mi fa più male al riguardo è che Marion Cotillard ha fatto alcune osservazioni pubbliche in favore delle teorie cospirative, dall’11 settembre all’uomo sulla luna, e questo è per me triste: non ti amo più, Marion Cotillard, sappilo. Eh no, ci dovevi pensare prima.

Nella provincia dove vivo io le cose non vanno male, tutto sommato, i dati non sono tragici e non aumentano vorticosamente, altre province della Lombardia sono, stavolta, messe peggio. Gli ospedali della città in cui vivo sono sì abbastanza pieni ma di pazienti provenienti, mi dicono, da Milano e Varese, le zone più in difficoltà. A causa dell’esperienza che abbiamo fatto a marzo e aprile, io e i miei concittadini – mi pare – ci stiamo comportando con sufficiente coscienza, indossando le mascherine e praticando la distanza con una certa osservanza. Almeno per quello che vedo io in questi giorni. La conseguenza di questo stato dev’essere la posizione della polizia e dei vigili, che si vedono poco e sono tutto sommato comprensivi. Oggi posso dire in prima persona di essere andato a fare una camminata in collina e con altri gruppetti di persone qua e là siamo tutti passati davanti a una coppia di poliziotti locali in moto senza che facessero una piega. Nemmeno un sopracciglio di disapprovazione. Atteggiamento giusto: se questa cosa non va male e dev’essere lunga, allora meglio non storronare il cittadino che non fa altro che svagarsi distanziato all’aperto senza alcun rischio per sé e gli altri. Peraltro, nonostante la salita e l’ovvio fiatone, le mascherine c’erano quasi a ogni incrocio sui sentieri. Non garantisco per luoghi più frequentati in città o provincia, finché non invitano anche me.


Indice del minidiario scritto un po’ così delle cose recidive:
26 ottobre | 27 ottobre | 29 ottobre | 1 novembre | 3 novembre | 4 novembre | 6 novembre | 8 novembre | 11 novembre | 14 novembre |

almanacco dei sette giorni, per vincere (20.46)

☀ Grazie a dio ha vinto Biden. Ora ci toccano cretinate fino al 20 gennaio, su quel versante ma, poi, cose migliori di prima. Spero che Warner e Rice entrino nel governo.

✘ Se Trump è ridicolo nel suo sostenere solitario di aver largamente vinto, Giuliani è ormai al di là di ogni decenza, sostenendo stavolta che il voto è molto sospetto, che Philadelphia ha una lunga tradizione di brogli, e che ha dei testimoni. Cosa sarà capitato all’ex sindaco di New York, politico di spicco nei decenni tra il novanta e il primo decennio dei duemila? In Borat, poi, ha veramente toccato il fondo. Sarà stata illusione allora?

☀ Una battaglia a palle di neve che ha più di cent’anni. Il breve filmato fu girato dai fratelli Lumière a Lione nell’inverno del 1897. Poi è stato restaurato e colorato ma nulla cambia: una visione nitida del passato che pare essere qui, ora.

✘ Bollettino: raggiunti i cinquanta milioni di casi covid nel mondo. Gli Stati Uniti sono il paese con il maggior numero di contagi, vicini ai 10 milioni. Seguono l’India – 8 milioni e mezzo – e il Brasile, oltre 5 milioni e 600mila. L’Italia ha superato il milione di casi. Ogni cento tamponi, diciassette sono positivi.

L’intervista di ‘Titolo V’ a Saverio Cotticelli, ex commissario alla sanità in Calabria appena silurato, giustamente peraltro, è da lasciare a bocca aperta. Poi, la toppa è peggio del buco quando afferma, ieri, di avere avuto un malore o di essere stato drogato perché né lui né i suoi familiari lo riconoscono nell’intervista. Suggerimenti: gemello cattivo, ventriloquo con mano nel sedere del Cotticelli stesso, ridoppiaggio malevolo di ‘Titolo V’, inversione aliena del cervello.

◆ Mai fregato un accidenti dei mercatini di natale ma che voglia, quest’anno, purché lontani.

✘ Cominciano a saltare anche gli appuntamenti del 2021. Arte Fiera a Bologna, per esempio, prevista per gennaio, è stata appena cancellata. Prevedibile, per carità, ma è meglio cominciare a fare i conti con il fatto che anche l’anno prossimo sarà un anno monco.

☀ Dopo Alemanno (6 anni in appello per per corruzione e finanziamento illecito) è stato condannato anche Denis Verdini (6 anni e 10 mesi per la bancarotta del Credito Cooperativo Fiorentino). Ma siccome Verdini era già in Cassazione, si è scelto un carcere e si è costituito. Anche qui, come scrivevo per Alemanno, la corruzione di Verdini era il segreto peggio custodito da molto tempo e ciò che a me preme di più è proprio il tempo perso e buttato per colpa di tutta questa gente. Facili previsioni? Problemi di salute a breve e richiesta di domiciliari, per impagliare la questione fino ai settant’anni d’età, che manca poco. Tutti uguali, ‘sti sbruffoni.

✘ Vaccino? C’è il vaccino? La Pfizer ha il vaccino? La notizia ha portato turbolenza nel mondo, molti si sono agitati. Per quanto mi riguarda, la notizia, ammesso che lo sia, me la spiego così, senza sapere nulla della bontà del vaccino: Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, il giorno dopo l’annuncio ha venduto il 62% per cento del proprio pacchetto azionario della società. E il titolo aveva guadagnato il 16% dal giorno dal primo. Oplà. Più chiaro il senso dell’annuncio?

✘ È putroppo fallita la casa editrice UTET Grandi Opere, la casa editrice che pubblicava grandi dizionari, per esempio il Tommaseo-Bellini, il Battaglia, e molte edizioni d’arte e di ogni scienza. Fondata nel 1791, era stata acquisita con tutta la UTET da De Agostini nel 2002, la quale ne ha progressivamente svuotato il catalogo, vendendo Grandi Opere a FMR Art’è nel 2013. Il fallimento, dunque, non riguarda ciò che è rimasto, pochino, di UTET. Dal punto di vista della cultura complessiva di un paese è un vero disastro, ma non da oggi. Chissà che fine faranno catalogo e deposito.

Beh, questa settimana cerchiamo di farci bastare Biden.