«Noi faremo tutto con un’umiltà spaventosa. Alla noi»

Amo le persone che si impegnano. Nel fare ciò che preferiscono, certo, ma anche nei confronti delle altre persone e delle valide cause.
Enrico Greppi, «Erriquez», era certamente una di queste e io, come tanti, ho cantato in gruppo se mi rilasso collasso e ne ho sempre apprezzato coerenza ed energia. «Se tutti facessero pochissimo sarebbe già un’enormità», aveva detto di recente, ed è una cosa vera, specie se detta da lui che non si tirava mai indietro se c’era da sostenere una causa o da fare qualcosa di concreto per chi aveva bisogno. Mancherà.

la Brexit, veramente

Da ieri la Gran Bretagna è fuori dall’Europa. Male, molto male. Da quando, a sorpresa, i remain persero il referendum del 2016 è stato un susseguirsi di rimandi, di accordi non conclusi, di tentennamenti. E io, in cuor mio, speravo non si concludesse la frattura e ci fosse, chi sa?, un ripensamento. E invece no, ingenuo. Da ieri serve il passaporto per andare in Inghilterra, il visto per restare, il roaming dei telefoni non è più in vigore, insomma si è tornati alle lungaggini del passato. Un vero peccato.

Fa impressione vedere, invece, gli entusiastici titoli di giornale quando, il primo gennaio 1973, la Gran Bretagna entrò nel Mercato Comune Europeo, prodromo dell’Unione europea (la Greater Europe).

The front covers of London newspapers reporting Britain’s entry into the Common Market.
(Photo by Frank Barratt/Getty Images)

A tutti gli effetti, questo è un lutto. E come tale io, noi, lo vivo. Per cui, alla prima fase di dispiacere è seguita poi la fase di risentimento, fanculo Cameron, fanculo inglesi che hanno votato per l’uscita, fanculo inglesi tutti. La pagheranno cara, perché ora si renderanno conto dei vantaggi dell’appartenere all’Unione europea (siete mai stati a Sheffield negli anni Ottanta? Un disastro), si renderanno conto di quanti fondi le zone depresse (e in Inghilterra sono moltissime) abbiano ricevuto in questi decenni, quanto l’isolamento sarà deleterio per lo sviluppo del paese.

Le zone più povere dell’Europa settentrionale sono quasi tutte in Inghilterra e, guarda te!, sono anche le zone che hanno ricevuto più aiuti dall’UE e sono anche, anche!, le zone più decise nel sostenere la Brexit.

Bene, allora. Andate e godetevela. Fanculo.

«Di morte è la nostra testimonianza»

«Parlare, però, è ridare la vita a chi non c’è più», disse Nedo Fiano, scrittore, sopravvissuto all’olocausto e alla deportazione ad Auschwitz e Buchenwald e uno dei testimoni più instancabili di ciò che accadde durante il fascismo e la guerra, in particolare a coloro che furono deportati.

Per chi abita a Milano o in Lombardia, o chi lo ascoltava a Radio Popolare o nelle aule delle scuole, Fiano è stata una presenza costante nei decenni, sempre garbato e deciso, sempre senza arretrare di un passo anche nei momenti difficili, miserabili e umilianti, quando per esempio fu profanata la scritta all’entrata di Auschwitz. Mai una volta si è tirato indietro.
Oggi Nedo Fiano è morto, uno degli ultimi sopravvissuti.
La memoria che ci ha lasciato resta, è qui, è presente e documentata. La responsabilità di quella memoria è ora nostra, mia e vostra, guai a chi farà finta di nulla. «Colui che dimentica diventa complice», diceva spesso. Bisogna pensare a questa frase, bisogna capirla. Tra i figli, lascia Emanuele, persona intelligente che per fortuna sua e nostra molto ha preso dal suo babbo.

lo piangeranno tutte le persone buone, in Argentina e nel mondo

Quino è stato grande.

Fantasioso, delicato, spiritoso, stralunato e spietato con il regime, a volte cattivissimo, con Mundo Quino cambiò le regole del fumetto e con Mafalda regalò parola e fantasia alle bambine di tutto il mondo.

Ma anche Felipe diede tanta soddisfazione a molti di noi.
Un gigante, toccò vette che solo i migliori tra i migliori possono sognare di raggiungere. Io ne porto con me grandi ricordi e grandi risate. Grazie.

ciao alla ragazza del secolo scorso

Un’altra testa pensante che, putroppo, se ne va.

Rossana Rossanda e il gruppo del Manifesto avevano ragione a criticare il PCI, forse meno quando parlava dell’«album di famiglia» riguardo alle BR e alla sinistra ma queste son valutazioni che sono state fatte e che possono essere discusse anche in futuro, che si sia d’accordo o meno. Si può anche non essere d’accordo con parecchie delle sue prese di posizione, spesso rigide, ma anche ciò adesso conta poco. È il presente che mi dice che c’è una testa fina in meno, un contributo al ragionamento in meno, una parola ponderata in meno, una lettura dei fatti non convenzionale in meno e, dati i tempi, è un problema. Perché ci restano gli scartini.

Vladimirov Javacheff

Se ne potrà anche dire altro, ma a me ha regalato un’esperienza piacevolissima, emozionante, irripetibile e davvero particolare.

Quindi gliene sono grato. Grazie, Christo.
Dice il comunicato: «ha vissuto una vita piena, in cui non solo ha sognato ciò che sembrava impossibile, ma lo ha realizzato. Il lavoro di Christo e Jeanne-Claude ha unito le persone facendo condividere loro esperienze in tutto il mondo, la loro opera vive nei nostri cuori e nei nostri ricordi». L’ultima frase sarebbe una cazzata di circostanza per quasi tutti, nel suo caso, invece, è del tutto vera.

afrobeat e funk, oltre a un sacco di altri generi

Tre giorni fa se n’è andato Tony Allen, grande batterista nigeriano. Tra le sue infinite collaborazioni, che dimostrano quanto fosse eclettico, Art Blakey, Fela Kuti, Manu Dibango, Air, Charlotte Gainsbourg per quel bel disco che è «5:55» e «The Good, the Bad & the Queen» con Albarn, Simonon e Tong.
Un bel pezzo, suo, con cui vorrei celebrarlo qui è «Wolf Eats Wolf».

Orecchie alla batteria, dunque. Perché lui sapeva suonare leggero, a pestare son bravi tutti.