ebook: una comoda funzione di Tolino da attivare su Kobo [Export Highlights]

Tolino, nonostante il nome, è un ereader superiore agli altri per un motivo principale, almeno per me: esporta in automatico in un file di testo tutte le evidenziazioni e le note create man mano nella lettura, inserendole in ordine cronologico e aggiungendo l’intestazione della fonte. Meraviglioso.
Potrà parere poco ma per me che prendo note sui libri per poi scriverne qui è a dir poco fondamentale.

C’è un modo, però, per attivare una funzione simile anche in Kobo, più o meno su tutti i modelli. Ecco come:

  • collegare il Kobo al PC così da vederne il contenuto;
  • individuare il file: eReader.config (solitamente si trova nella cartella .kobo [.kobo>Kobo] ma non è detto: collocazione e nome possono variare a seconda dei modelli; il file potrebbe anche essere: Kobo eReader.conf);
  • farne una copia di sicurezza su PC e poi aprirlo con un editor di files di testo, basta il blocco note (ma questo è di gran lunga meglio);
  • inserire nel testo, in un punto qualsiasi, la seguente stringa, badando a non mescolarla con il restante codice, così com’è:

[FeatureSettings]
ExportHighlights=true

  • salvare ed espellere l’ereader.

A questo punto, se il tutto è stato fatto correttamente, sarà disponibile un’opzione ulteriore nel Kobo: tenendo premuto su un libro nell’elenco dei titoli sarà possibile esportarne le annotazioni.

Notazioni negative rispetto alla funzione in Tolino: Kobo chiederà ogni volta come salvare un file ed è meglio fare un file diverso per ogni libro. Qualora si usi un nome di file esistente, Kobo sovrascriverà il file meno recente, di fatto cancellandolo.
Insomma bene ma non pari: visto che ormai non poco tempo fa Kobo ha acquisito Tolino, si spera che le cose migliori vengano mantenute di qua e di là. Nel frattempo, va bene così.

8 commenti su “ebook: una comoda funzione di Tolino da attivare su Kobo [Export Highlights]

    • Figurati, sono contento ti sia servito, concordo con te che è una funzione essenziale. Mi sono dimenticato di scrivere che, una volta fatte le esportazioni, quando connetterai il Kobo al pc troverai i files di testo con le annotazioni libro per libro. Buon divertimento!

  1. Ciao,
    Ho provato ad inserire il testo alla sine del contenuto del file, ma nell’elenco opzioni trovo solo ‘annotazioni’ che mi permette di vederle ma non di esportarle…. 🙁

  2. Ciao Randalf,
    quanto detto qui sopra funziona per le evidenziazioni, ovvero: nell’elenco libri, cliccando sulle opzioni di un singolo libro, dovresti vedere la voce ‘esporta evidenziazioni’. Poi procedi.
    Le annotazioni, invece, tutt’altra cosa, si trovano da un’altra parte, ma questa è una funzione che Kobo fa di suo: cliccando su ‘annotazioni’ di un singolo libro, le apre, e sempre cliccando nelle opzioni puoi scegliere ‘esporta nel file testo’.
    Quale delle due intendi? Fammi sapere.

    • Grazie Trivi x la pronta risposta…. Allora devo aver sbagliato qualcosa nel trascrivere la linea di testo xké appunto nelle opzioni (ho un Libra H2O) non mi esce esporta evidenziazioni (che sono quelle che vorrei esportare x farmi una sorta di readwise domestico). Proverò a riscriverla o spostarla nel file :-/

      • Ciao Randalf, figurati, qui ormai la cosa è più importante: piegare la tecnologia alla nostra volontà. Non ti rispondo privatamente perché, magari, questa cosa che stiamo indagando è utile anche a qualcun altro.
        Non conosco Libra H2o ma posso supporre che il file configurazione sia in sostanza lo stesso, il mio si chiama ‘Kobo eReader.conf’ e ho incollato le due righe di configurazione in un punto qualsiasi, eccoti un’immagine del file (righe 99 e 100):
        http://www.trivigante.it/cose/wp-content/uploads/2021/10/211017.kobo_.jpg
        Potrebbero esserci di mezzo degli spazi, indentamenti, errori di grafia? Fammi sapere.

        • Ci sono riuscito, in realtà ho contemporaneamente riscritto la stringa all fine e attivato il plugin ‘kobotouchextended’ quindi non so quale dei 2 ha avuto effetto. Grazie!

          • Grazie a te, Randalf, lieto che tu abbia risolto.
            Certo, non sapremo mai quale sia la ragione ma non importa, ciò che conta è il risultato.
            Buon divertimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *