obelischi, obelischi (forse non tutti sanno che)

Delle 2498 persone ghigliottinate durante la Rivoluzione francese, 1119 furono giustiziate in piazza della Rivoluzione, come si chiamava allora place de la Concorde a Parigi.
Nel 1836 – in occasione del rifacimento di tutta la zona – venne finalmente issato l’obelisco che ancora oggi sta al centro della piazza, donato nel 1831 dal viceré d’Egitto, Mehemet-Ali.

160721.obelisco

In realtà il viceré fu ancor più magnanimo, offrendo in dono alla Francia non solo questo obelisco ma anche il suo gemello, ovvero la coppia posta all’ingresso del tempio di Luxor, in Egitto, risalente a tremiladuecento anni fa. Per un qualche motivo il re di Francia Luigi-Filippo I ne fece portare via solo uno e il secondo rimase lì, a guardia del tempio, come ben si vede qui sotto.

160721.luxor01

Che peccato, simmetria rovinata. Solo negli anni Novanta Mitterrand rinunciò ufficialmente al dono e l’obelisco rimanente rimase al suo posto. Fortuna.
Quello di place de la Concorde è un monolito di granito rosso alto 23 metri, compreso il basamento, e pesa 227 tonnellate; i geroglifici scolpiti narrano le imprese di Ramses II e sul piedistallo sono disegnati i macchinari usati per il trasporto e l’erezione. Il pyramidion di sommità fu probabilmente rubato nel VI secolo a.C. e il governo francese lo sostituì nel 1998 con una piramidina dorata sproporzionata. Potevano rubarsi l’altro, a questo punto.

160721.robert

Nel 1999, Alain Robert, l’uomo-ragno franzoso, scalò l’obelisco in libera, una mattina che aveva poco da fare. Qui il video.

L’obelisco di Washington (città) – o, meglio, il monumento a Washington (presidente) – è una sleppa di oltre 169 metri di marmo, granito e arenaria. La sua costruzione cominciò nel 1848, come tributo al primo presidente, e in questa foto si vedono, oltre alle fondazioni, le baracche che allora ricoprivano lo spazio che oggi chiamano National mall.

IH179061

Nel 1854, a causa dell’esaurimento dei fondi e della guerra civile americana, la costruzione fu interrotta a circa un terzo. Nel 1879 si riprese: fu però impossibile ritrovare la stessa cava di pietra usata all’inizio dei lavori per cui si decise di usare un’altro tipo di pietra, per quanto somigliante. Si vede? Sì, si vede: la riga è mia (nel riquadrino l’obelisco a lavori interrotti) e segna il colore più scuro e la diversa grana della pietra superiore. Dal vivo si nota parecchio.

160112.washington-obelisco

Nel 1888, a lavori ultimati, era la costruzione più alta del mondo. Ovviamente non è un monolito, come gli obelischi antichi, ma è in muratura: il suo architetto-progettista, Robert Mills, ideò e costruì anche la Colonna di Washington, o Washington Monument, di Baltimora, un altro pistolone di cinquanta e più metri che testimonia anch’esso la predilezione per i monumenti belli dritti e per Washington del suo ideatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.