ve lo dico con grande onestà: affanculo gli olandesi

Ma chi cazzo sono ‘sti olandesi?
Nella partita per l’attribuzione della sede dell’EMA, l’Agenzia europea del farmaco in fuga Londra dopo la Brexit, eravamo certi – noi italiani, milanesi, lombardi tutti – di vincere. Perché siamo meglio di questi olandesici amsterdamici, andiamo. Così diceva Maroni, governatore della Regione:

“Spero che nella decisione prevalga la consistenza del dossier e non la geopolitica. Se sarà così, Milano vincerà”.

Ovvio, perché se si sta ai fatti, chiaro che si vince. Sala, sindaco di Milano, sfoggia onestà:

“Ve lo dico con grande onestà – ha continuato – il dossier Milano è decisamente il migliore e Milano è anche la destinazione migliore delle persone che lavorano in Ema”

E invece no: EMA ad Amsterdam. Com’è possibile? Sfiga, ovvio, visto che si è proceduto a sorteggio, se si fosse rimasti ai contenuti avremmo stravinto. Anche Gentiloni, presidente del consiglio, lo dice chiaramente:

“C’è grande delusione ma anche la consapevolezza che si è fatto tutto quello che si poteva per avere un dossier di candidatura molto competitivo, lo si è visto nelle prime due votazioni”.

Accidenti. E invece no.
Perché, stando a quanto racconta Lucarelli sul Fatto quotidiano di ieri, il nostro dossier non era mica meglio, anzi: pare «la bozza della ricerca scolastica sulle conquiste di Alessandro Magno fatta da mio figlio in seconda media». Apperò.
Vediamo: «Partiamo dal sommario (…). Scritto fitto utilizzando un font tipo Verdana, parte da pagina 1 per poi passare direttamente alla 3 (…). Le pagina 19 e 20 sono curiosamente bianche», cominciamo bene. «A pagina 25 c’è la prima carta topografica con la mappatura degli ospedali che è su per giù uno screenshot di Google Map (…). A pagina 26 si specifica che “the City of Milano has a record of protecting and promoting the rights of LGBTQI people”. Già. Peccato che il Pirellone che doveva ospitare l’Agenzia, sia quello su cui comparve la scritta Family Day appena un anno fa». Vero. Prosegue: «Poi c’è una cartina sull’aspettativa di vita media in Europa, ma è totalmente sfocata (…). A pagina 35, a sorpresa, altra pagina vuota (…). A pagina 38, nel paragrafo “eating and drinking”, si aspira a conquistare voti decisivi ricordando che qui l’aperitivo è composto da “drinks and nibbles”, bevute e stuzzichini (…). A pagina 39 si scopre che le squadre della città sono Inter e AC Milano (con la o). La mappa cittadina, a pagina 36, è suddivisa per aree e numeri dall’1 al 9 tipo distretti di Hunger Games, senza nomi di quartieri o indicazioni geografiche». Mmm.
In generale: «mappe divise a metà tra una pagina e l’altra, niente margini né interlinea, tabelle come se piovesse, lettere con timbro e firma di Federalberghi che fa giurin giurello sul fatto che manterrà invariati i prezzi delle camere, e tutto quel che potete immaginare nel compitino didascalico di uno stagista psicotico».
Sì, ma il dossier olandese? Com’è? «Grafica accattivante, foto da brochure di viaggi, tabelle chiare e leggibili, pagine colorate, loghi per indicizzare, planimetrie degli uffici e informazioni complete su 84 pagine». Vualà.

Oh, tranquilli: se stiamo ai contenuti, stravinciamo.
Qui sotto l’articolo integrale (non me ne voglia il Fatto), basta cliccarci sopra.

Ed ecco per comoda consultazione:
il dossier italiano in tutto il suo splendore proprio
il dossier olandesico che lo battiamo quando vogliamo
la versione promozionale di quello italiano che, tutto sommato, non è nemmeno male (ma non ha contenuti, ovviamente)

prima un dovere che un diritto

Come potrete immaginare io oggi voglio avvalermi del mio diritto di non rilasciare dichiarazioni in merito allo specifico fatto di cui sono imputato. Tuttavia vorrei porre l’attenzione su quali siano le motivazioni che spingono un giovane operaio originario di una remota cittadina delle Prealpi orientali a venire ad Amburgo. Per manifestare il proprio dissenso contro il vertice del G20. G20. Solo il nome ha in sé qualcosa di perverso. Venti tra uomini e donne esponenti dei venti paesi più ricchi e industrializzati del globo si siedono attorno a un tavolo. Si siedono tutti insieme per decidere il nostro futuro. Sì, ho detto bene: il nostro. Il mio, come quello di tutte le persone sedute in questa stanza oggi, come quello di altre sette miliardi di persone che abitano questa bella Terra. Venti uomini decidono della nostra vita e della nostra morte.
Prima di venire ad Amburgo ho pensato anche all’iniquità che flagella oggi il pianeta. Mi sembra quasi scontato infatti ribadire che l’1 per cento della popolazione più ricca del mondo detiene la stessa ricchezza del 99 per cento più povero. Mi sembra quasi scontato ribadire che gli 85 uomini più ricchi del mondo detengono la stessa ricchezza del 50 per cento della popolazione mondiale più povera: 85 uomini contro tre miliardi e mezzo di persone. Queste poche cifre bastano a rendere l’idea. (…)
E poi, signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori, prima di venire ad Amburgo ho pensato alla mia terra: a Feltre. Il luogo dove sono nato, dove sono cresciuto e dove voglio vivere. La cittadella medioevale è incastonata come una gemma nelle Prealpi orientali. Ho pensato alle montagne che al tramonto si tingono di rosa. Ai bellissimi paesaggi che ho la fortuna di vedere dalla finestra di casa. Alla bellezza che travolge questo luogo.
Poi ho pensato ai fiumi della mia bella valle violentati dai tanti imprenditori che vogliono le concessioni per costruire centrali idroelettriche. Incuranti dei danni alla popolazione e all’ecosistema.
Ho pensato alle montagne colpite dal turismo di massa o diventate luogo di lugubri esercitazioni militari. Ho pensato al bellissimo posto dove vivo che sta venendo svenduto ad affaristi senza scrupoli. Esattamente come tante altre valli in ogni angolo del pianeta. Dove la bellezza viene distrutta nel nome del progresso.
Sulla scia di tutti questi pensieri ho deciso dunque di venire ad Amburgo a manifestare. Per me venire qui è stato prima un dovere che un diritto.

Questa è una dichiarazione spontanea, rilasciata da Fabio Vettorel nel corso del suo processo. Fabio ha diciott’anni ed è in una prigione tedesca dal 7 luglio scorso, imputato di tentativo di causare danni mediante mezzi pericolosi e resistenza a pubblico ufficiale, durante la manifestazione contro il G20 ad Amburgo a luglio.
Riporta «Internazionale» nell’articolo che gli ha dedicato: «Non ci sono accuse specifiche relative alla sua persona: si dice solo che non si è allontanato dal gruppo in cui si verificavano azioni violente e di non aver agito per fermare i manifestanti violenti. Di fatto non ci sono testimonianze contro di lui».
È l’unica persona in carcere per quella manifestazione e domani ci sarà l’ennesima udienza del suo processo. Speriamo.
Oh, stronzi, vogliamo rilasciarlo? E quel furrbaccino del nostro ministro degli esteri che fa? Pensa alle elezioni? Lo si processi, magari lo si condanni se ha fatto davvero qualcosa, ma che senso ha tenerlo così?
(Ho scritto al ministero, chiedendo cosa stiano facendo al riguardo).

il diciannovesimo congresso nazionale del Partito Comunista Cinese

Alcune immagini dal congresso che la settimana scorsa ha sancito il potere assoluto e indiscutibile di Xi Jinping, Segretario Generale del Partito Comunista Cinese dal 15 novembre 2012, Presidente della Repubblica popolare cinese dal 14 marzo 2013 e, come non bastasse, capo della Commissione militare centrale del Partito Comunista Cinese.

(The Yomiuri Shimbun via AP Images )

Eccolo, Xi Jinping, ovviamente contento:

(AP Photo/Mark Schiefelbein)

L’ex presidente Jiang Zemin legge attentamente i documenti congressuali con la sua lente scova-bugie.

(AP Photo/Mark Schiefelbein)

I delegati in piedi all’apertura del congresso. Al centro spicca il delegato della confederazione intergalattica, con la divisa delle feste e il cappello dell’Amicizia tra i Popoli socialisti dell’Universo.

(WANG ZHAO/AFP/Getty Images)

Una bella foto d’insieme di tutto il congresso, al via.

(AP Photo/Ng Han Guan)

Infine, un po’ di folklore: tè per tutti i congressisti servito dalla squadra di tè sincronizzato cinese, campionesse del mondo imbattute da sette secoli.

(Imaginechina via AP Images)

Da buon ultimo ma non meno importante, il signor Fong segue l’andamento del congresso dal proprio negozio di, uhm, alimentari, partecipe.

(CHANDAN KHANNA/AFP/Getty Images)

Il congresso ha visto l’elaborazione teorica alla base della leadership di Xi Jinping, tra cui la cosiddetta “Belt and Road“. Le informazioni ufficiali per la stampa sono qui.
Il congresso si è svolto nella Grande Sala del Popolo, il cui soffitto è molto bello, secondo me, e questa è proprio l’ultima cosa che so sull’argomento.

l’uragano Irma e quello che le persone devono fare

L’uragano Irma, una cosuccia con venti da 185 mph (295 km/h), ha funestato Capo Verde, Grandi Antille, Bahamas, Cuba, Florida nei primi quindici giorni di settembre.

C’è stato, quindi, il tempo per la Florida di prepararsi, ovvero chiudere le finestre con i chiodi, mettere in cantina quello che si può e, purtroppo, andarsene. L’immagine dei voli aerei sulla Florida il 10 settembre è abbastanza significativa.

Un fuggi fuggi. Non riesco a immaginare esattamente cosa voglia dire avere la propria casa distrutta da un uragano, non riesco nemmeno a immaginare un uragano e i sentimenti che si possano associare alla cosa.
L’undici settembre, la situazione dei voli aerei sopra la Florida era questa:

Il giorno dopo Irma si è deintensificato a categoria 2 e si è dissipato sopra gli Stati Uniti sudorientali il 13 settembre 2017, con un bilancio stimato al 14 settembre 2017 di circa 80 vittime (di cui la metà negli Stati Uniti).

dei delitti e delle pene

Io sono sempre stato contrario alla pena di morte, anche nei casi più orribili e tremendi. Perché credo nei Lumi, nella Scienza, nell’Uomo e nell’intelligenza collettiva e dei singoli.
Poi, però, un giorno una delle mie guide spirituali ha detto una cosa che mi ha fatto vedere la questione sotto una prospettiva diversa.

Io sono a favore della pena di morte. Chiunque commetta un crimine orrendo deve ricevere una punizione adeguata.
Cosí la volta dopo impara.
(Britney Spears)

Ci sto ripensando, perché sono pienamente d’accordo con lei.