speciale europee pt. 3: odore di cristianucci

Il brand “cristianità” funziona sempre e, quindi, perché non utilizzarlo ancora? Anche perché per un Odifreddi che banalizza pare ci siano sempre svariate schiere di (scudo)crociati pronti alla chiamata, in difesa delle radici omogenee e non contaminate – fantasiose invero – della cristianità europea. Ovviamente non è così, e le schiere si riducono più che altro a minutaglie sparse, in cerca di qualche Goffredo di Buglione che si atteggi a cavaliere senza macchia spinto da spingitori idealisti: a Gerusalemme, ovvio, aveva anche lui i suoi bravi interessi propri. Come allora, metter su una crociata, anche piccolina e scassona, è un investimento redditizio, perché un finanziatore si trova sempre. In questo caso, finanzia direttamente il parlamento europeo e indirettamente un pizzaiolo di Potenza che delle radici cristiane, francamente, se ne impippa, riflettendo lui su mozzarella e pomodoro. Magari sulla scamorza, talvolta.
[nggallery id=13]Il terzo giro di giostra delle liste candidate alle elezioni europee, dunque, è a cavalcioni delle liste minoritarie di ispirazione cristiana. Apre “Italia cristiana” che propone un cuore di Vandea, singolo anziché doppio come norma vorrebbe ma con corona e croce regolamentari, inscritto in scudo tricolore simile a calcistico scudetto, non fosse per i bordi superiori scurvati. Rimane il solito equivoco generato dai nomi delle liste elettorali, o partiti, di questo genere: si intende qui raccogliere a chiamata l’“Italia dei cristiani” oppure il nome è l’espressione di un anelito, teso a rendere l’Italia finalmente del tutto cristiana? Sottigliezze.
Più decise le altre due liste, “TPdC-DC” e “CDC”: il concetto è siamo cristiani e se siete cristiani ci dovete votare. Punto. Interessante notare che il nome della perfetta lista di ispirazione cristiana deve SEMPRE contenere le lettere “c” e “d”, combinate variamente (si pensi a DC, CCD, UDC, CDU), pena l’insuccesso elettorale: a questo proposito, suggerisco gli inutilizzati (ancora) DDC, PCD, DCC. Evitare assolutamente, anatema!, PDC, già usato in altra area politica, e LCD, che è proprio altro ambito.
Si notino lo slogan sullo scudocrociato “Liberi dal 1942”, ovvero l’anno di fondazione della DC nonché anno XX dell’era fascista, libera tanto quanto un sequestrato delle FARC, e il campanile ecclesiale ton-sur-ton che svetta dietro la famigliola felice e cristiana. Nonché di destra, il che si coglie dalla gonna abbastanza corta della prolifica mamma al centro.

Nessun commento.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*