le allegre nonché inutili guide di trivigante.it: Gerbeaud

guide_trUn’apposita commissione, quadriformata da specialisti nel settore, si è recata nel centro di Budapest per verificare l’attendibilità di alcune informazioni pervenute in centrale: fonti bene informate riferivano che Gerbeaud, la più nota pasticceria del centro di Budapest centrale, avesse in menu almeno quaranta tipi di torte diverse a disposizione del cliente ipoglicemico. Non è mia abitudine lasciare che voci di questo genere circolino incontrollate, ragion per cui si è imposta una verifica sul campo (di cui documentazione scientifico-fotografica alla fine).
Io, uno scienziato chimico, un poeta stonato e uno “zombie” (così in gergo della scienza si chiamano le persone dipendenti da glucosio cui sottoporre l’assaggio di una torta per determinarne il grado di alterazione con dolcificanti estranei) ci siamo dunque travestiti da vagabondi, per non suscitare sospetti, e ci siamo recati nel sancta sanctorum del vizio gustoso: superato il primo ostacolo costituito da cameriere bionde e belle e sorridenti e alte e più furbe delle guardie addestrate, in una saletta dorata di stucchi e rossa di velluti abbiamo ordinato le prime quattro fette di torta, tutte ovviamente diverse, e un tè per non dare nell’occhio.
Al mio comando (“camm-bioh”), ognuno di noi, dopo aver degustato un quarto di fetta, faceva ruotare il piatto verso il vicino di destra, fino al compimento del giro in quattro quarti. Dopo una Dobos, una Gerbeaud, una Esterházy e una Mogyorós sacher, secondo giro: una Borkrémtekercs, un Budapest szelet, una torta alle mele dal nome ignoto, un Gyumolcsos, sotto gli occhi divertiti della cameriera che ci credeva ancora dei turisti. Non lo abbiamo fatto per il nostro piacere ma per la scienza e in nome della verità.
Al terzo giro l’inganno è venuto alla luce: le torte disponibili non sono nemmeno dodici, bensì di meno, molto lontane dal numero che sussurrava la leggenda e dal numero che eravamo disposti a testare. Certo, esistono tante paste e pasterelle che, però, altro non sono che variazioni più piccole di torte complesse. Ma quaranta, via… Forse nemmeno quelle avrebbero sedato il famelico “zombie”, deluso come una casalinga di Forza Italia che non è riuscita a scorgere nemmeno la pelata del capo.
E un altro caso è risolto. Resta il rammarico che, una volta ancora, certi sogni vengono svelati e si rivelano illusioni, e la realtà risulta essere dura, davvero dura. A margine della ricerca scientifica, segnalo che la torta vincitrice tra tutte, la torta Esterházy, è stata eletta all’unanimità dal consesso, seppur dopo una dura lotta, e soltanto dopo numerose votazioni. Fatto che ci ha costretto a tornare alla pasticceria sabato 21 (due volte), domenica 22 (una volta) e lunedì 23 (tre volte). Per essere sicuri.

  • siu
    Mar 26th, 2009 at 13:48 | #1

    Libidinosa incontenibile invidia mi trasforma d’un colpo in maestrina petulante e bacchettona, pronta a dirvi (‘speta un momento che tiro su le bave…): ma a chi volete darla a bere, che dovevate controllare se le torte erano o non erano “almeno 40”, e ciccì e cicciò…
    che lo vede anche una talpa orba, che in quel banco frigo non possono starcene che -ben che vada- meno della metà (dio, che sballo… aiutooo….!)

  • trivigante
    Mar 26th, 2009 at 17:25 | #2

    Cacchio, ma quella è una piccola fetta di un banco lungo metri e metri e metri che di torte potrebbe contenerne migliaia e migliaia (guarda qui: banco gerbeaud)… Comunque sei arruolata, il tuo occhio di falco ci sarà prezioso nelle prossime missioni. Basta che non ci boicotti quelle alimentari, che dobbiamo andare a verificare se Sacher a Vienna ne ha più o meno di quaranta…

  • federico
    Mar 26th, 2009 at 20:51 | #3

    A Vienna si va da Demel. Vicino a Santo Stefano.

  • trivigante
    Mar 26th, 2009 at 20:57 | #4

    Arruolato anche tu, che mi pari esperto delle cose del mondo e dei posti buoni. Gnam!

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*